Nomisma 50 51
stacks 14
Lanz

Aste appena concluse

16 - 18 giugno Asta e-live

Rauch HD Rauch
15th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo
• Asta Live

14 giugno Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 121


• Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

31 maggio Asta online

22-23 maggio Aste in sala

21 maggio Aste in sala

 

13 e 14 maggio Asta in sala e live

7 - 9 maggio Asta in sala e live

GERHARD HIRSCH Nachfolger
Aste 298 - 299


G.Hirsch • Catalogo 298
• Catalogo 299
• Sito G.Hirsch
• Asta live

 

28 aprile Asta online

Ultimi commenti

  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
  • mauro: nell'articolo: I sistemi monetari dei popoli antichi, di G.
  • Alessandro: gentili Sig.ri, circa una trentina di anni fa (ma anche di p
  • Fabio: sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne r
  • Renato Carnevali: C'è una croce di Santiago di Compostela nel comune di Costac
  • elena bonomelli: buona sera, volevo presentarvi un annullo filatelico emesso
  • giovanna: posso chiederti se conosci il valore dei 20 dollari in oro s
  • vincenzo: quanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c. quella
  • paolo: buonasera vorrei sapere se di queste monete : ambrosino rid
Nomisma SHOP

Varianti e rarità delle lire di Ferdinando di Borbone per Parma

Ferdinando di Borbone.

Ferdinando di Borbone.

di Lorenzo Bellesia

LA LIRA CONIATA A PARMA A NOME DI FERDINANDO DI BORBONE E’ UNA MONETA MOLTO COMUNE O ALMENO LO SONO ALCUNI MILLESIMI. ALTRI INVECE SONO DI ESTREMA RARITA’. ECCO UNA GUIDA PER CONOSCERLI.

In questo articolo intendo descrivere le principali varianti delle lire fatte coniare da Ferdinando di Borbone duca di Parma quasi ininterrottamente dal 1783 al 1797. Queste monete, che hanno sempre lo stemma al diritto e San Tommaso al rovescio, sono molto conosciute dai collezionisti specializzati perché, generalmente, abbastanza comuni ma ci sono alcuni millesimi di estrema rarità che qui si intendono evidenziare. Per completezza ho anche aggiunto alcune prove, o presunte tali.

1783

Sebbene Ferdinando di Borbone fosse diventato duca nel 1765, in Parma si cominciò a parlare di riaprire la zecca soltanto nei primi anni Ottanta. Dopo un’attenta analisi ed una ampia discussione su cosa si dovesse coniare per stabilire un sistema monetario locale, finalmente il 7 agosto 1783 si stipulò un contratto di nove anni con due imprenditori, Nicola Piacentini e Giambattista Ruspagiari, per lo stabilimento di una nuova Real Zecca in Parma.

Tuttavia l’attività non iniziò subito a pieno ritmo ed i primi tempi furono dedicati alla predisposizione di prove e progetti come le due lire seguenti.

PROVA DEL 20 SOLDI 1783

1/A – PROVA DEL 20 SOLDI 1783
D/ FER · I · D · G · H · I · PAR · PLA · ET · V · DVX I783
Stemma coronato e ornato da ghirlanda
R/ (dal basso a sinistra) S · THOMAS     APOST · PAR · PROT ·
Figura quasi intera di San Tommaso di fronte con la lancia nella mano destra e col libro nella sinistra, in esergo, SOLDI XX · // (rosetta)
Bordo rigato
CU – h 6 – CNI 5
Parma, Museo Archeologico Nazionale (g 6,9)

PROVA DEL 20 SOLDI 1783

1/B – PROVA DEL 20 SOLDI 1783
D/ FER · I · D · G · H · I · PAR · PLA · ET · V · DVX I783
Stemma coronato e ornato da ghirlanda
R/ (dal basso a sinistra) S · THOMAS     APOST · PAR · PROT ·
Figura quasi intera di San Tommaso di fronte con la lancia nella mano destra e col libro nella sinistra, in esergo, SOLDI XX ·
Bordo rigato
CU – h 6 – CNI 6
Parma, Museo Archeologico Nazionale (g 4,04)

L’altro esemplare noto è quello citato nel CNI con un peso di 3,95 grammi.

PROVA DEL 20 SOLDI 1783

1/C – PROVA DEL 20 SOLDI 1783
D/ FER · I · D · G · H · I · PAR · PLA · ET · V · DVX I783
Stemma coronato e ornato da ghirlanda
R/ (dal basso a sinistra) S · THOMAS     APOST · PAR · PROT ·
Figura quasi intera di San Tommaso di fronte con la lancia nella mano destra e col libro nella sinistra, in esergo, SOLDI XX ·
Bordo rigato
MB – h 12 – CNI manca
Parma, Museo Archeologico Nazionale (g 3,94)

Si tratta certamente di prove perché non risulta che nel 1783 siano state emesse delle monete da una lira ma soltanto sesini. Per di più le tre monete illustrate, che condividono il conio di diritto, sono in metalli diversi, mistura, rame e metallo bianco, e di peso sensibilmente diverso per cui sembra che possano essere state delle proposte fatte dagli zecchieri. Il tipo del diritto fu accettato ma il disegno del rovescio, con la figura quasi intera di San Tommaso, venne successivamente scartata per una mezza figura dello stesso Santo.

Non ho rintracciato l’incisore dei coni non ritenendo possibile che si tratti di quell’Angelo Carrara che invece probabilmente incise i coni delle altre due prove questa volta datate 1784.

Segue: articolo completo in formato PDF (4,2 MB) da Panorama Numismatico nr.242/luglio agosto 2009

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>