Nomisma 50 51
RAUCH topb

Aste in primo piano

22 - 27 settembre Aste in sala e live

27 settembre Asta in sala e live

Nudelman Nudelman Numismatica
Asta 14


• Sito Nudelman
• Catalogo

30 settembre - 2 ottobre
Asta in sala e live

13 - 15 ottobre Asta in sala

15 ottobre Asta in sala e live

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

Lanz

Aste appena concluse

13 settembre Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 122


• Asta 122
• Catalogo
• Highlights

Ultimi commenti

  • giovanni franzese: possiedo 20 lire dell'1972,10 lire dell'1953 1954,100 lire d
  • Daniela: Un informazione ho delle lire che vanno da 1950 in poi le po
  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
  • mauro: nell'articolo: I sistemi monetari dei popoli antichi, di G.
  • Alessandro: gentili Sig.ri, circa una trentina di anni fa (ma anche di p
  • Fabio: sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne r
  • Renato Carnevali: C'è una croce di Santiago di Compostela nel comune di Costac
  • elena bonomelli: buona sera, volevo presentarvi un annullo filatelico emesso
  • giovanna: posso chiederti se conosci il valore dei 20 dollari in oro s
DI VIRGILIO 3

Varianti e rarita’ dei sesini di Ferdinando di Borbone per Parma

sesino di Parma 1781di Lorenzo Bellesia

IL SESINO DI PARMA CONIATO DA FERDINANDO DI BORBONE DAL 1781 AL 1798 E’ UNA MONETA COMUNISSIMA E ALL’APPARENZA BANALE E SEMPRE UGUALE MA, A BEN GUARDARE, SI SCOPRONO TANTE VARIETA’ E RARITA’. ECCOLE ORA INDIVIDUATE ED ILLUSTRATE PER LA PRIMA VOLTA.

La moneta più comune nella cospicua monetazione parmigiana di Ferdinando di Borbone è sicuramente quella dal valore nominale più basso, il sesino. Se ne conoscono molte date diverse ma non sono state evidenziate particolari varianti nel CNI né, nella letteratura successiva, particolari rarità.

Questo articolo, basandosi in particolare sopra una collezione privata formata nel corso di molti anni, vuole esaminare le varianti di questa moneta individuando quali siano effettivamente le rarità dei singoli millesimi.

1781

Riporta il Lopez che, volendosi reintrodurre una zecca nel Ducato di Parma ma non disponendo ancora delle attrezzature necessarie, si fecero coniare alcune prove di doppie, ducati e sesini presso la zecca di Venezia. Delle doppie e dei ducati nulla si sa, mentre dei sesini se ne coniarono appena tre esemplari uno dei quali, citato nel CNI, è conservato nella collezione reale e dovrebbe essere quello della collezione Gnecchi (lotto 3921) dove infatti fu descritto come probe des sesino 1781 risultando aggiudicato al commerciante Ortensio Vitalini per 24 lire.

Segue: articolo completo in formato pdf da Panorama Numismatico nr.230/giugno 2008

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>