CGB
PONTERIO STACKS

Aste in primo piano

 

28 aprile Asta online

7 - 9 maggio Asta in sala e live

GERHARD HIRSCH Nachfolger
Aste 298 - 299


G.Hirsch • Catalogo 298
• Catalogo 299
• Sito G.Hirsch
• Asta live

 

13 e 14 maggio Asta in sala e live

21 maggio Aste in sala

22-23 maggio Aste in sala

Bid Inside SOFTWARE 200

Aste appena concluse

9 - 11 aprile Asta in sala e live

29 marzo Asta in sala e online

Frühwald Asta 106

Fruewald • Sito web
• Catalogo



15 marzo Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
Asta 120


Elsen • Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

Ultimi commenti

  • Argo: Anch'io come descritto posseggo un deca dramma come descritt
  • mario facci: nel 1893 a Bologna 50.ooo franchi o lire a quanto oggi corri
  • bruno carmelo: buongiorno, moneta di argento tetradramma Filistide/quadrig
  • Massimo Bosi: Le abbiamo inviato le istruzioni privatamente, in ogni caso
  • MICHELE: IO ne ho una in buone condizioni vorrei, vorrei sapere quant
  • Viviana: Possiedo 10lire anno 1954 può interessare.
  • rosario: vorrei abbonarmi al giornale Panorama numismatico abbonament
  • livio: salve houn dollaro d'argento del 1974 usa e un dollaro cana
  • Heinrich Kirchler: Un mio amico austriaco ha una moneta in oro del 1833 e del 1
  • Abed: Buonasera, Quanto possono valere le monete d'oro antiche
Nomisma SHOP

Asta di monete 94 - H.D. Rauch Vienna

HD RAUCH asta 94La casa d’asta H.D. Rauch è lieta di presentare i suoi nuovi cataloghi dell’Asta di monete 94 di Primavera che si terrà da domani mercoledì 9 a venerdì 11 Aprile 2014.

Il primo giorno si inizia con la vendita delle monete antiche. Viene presentata una bella collezione di Monete Celtiche, molti Aurei e Solidi dell’Impero Romano e nell’ultima parte un’interessante Collezione Bizantina.

La prima sessione del secondo giorno di asta è dedicato alle monete internazionali; nella parte delle monete italiane ci sono graziosi pezzi di ottima qualità. La seconda sessione mette in vendita monete e distintivi militari e Ordini Russi.

Prosegui la lettura di → Asta di monete 94 – H.D. Rauch Vienna

I Convegno NIP del Triveneto

I Convegno NIP del Triveneto
12 aprile 2104 a  MOGLIANO VENETO (TV)

Il convegno si terrà presso Villa Braida, via Bonisiolo, 16/b, Mogliano Veneto (TV).

Info

NIP, piazza Repubblica, 1/a, Milano
Tel. 070 756393
e-mail: segreteria@numismaticinip.it
web: www.numismaticinip.it

Splendidi ritratti sui bronzi di largo modulo di molti imperatori romani - parte II

medaglione di Elagabalo

di Roberto Diegi

L’abilita’ degli incisori numismatici romani si evidenzia soprattutto nella ritrattistica imperiale. Da Augusto a Nerva, sono qui presentati alcuni degli esempi piu’ significativi in questo ambito.

Seconda parte

Elagabalo (Varius Avitus Bassianus, poi Marcus Aurelius Antoninus) era a dir poco stravagante: amava lo sfarzo eccessivo e si circondava di personaggi poco raccomandabili. Ciò che lo rese presto inviso alla cittadinanza di Roma fu la sua pretesa di sostituire il culto siriaco del dio Sole allo stesso culto di Giove e al tradizionale Pantheon romano: la famosa pietra nera a forma conica, portata a Roma dalla Syria, fu venerata con sfarzo mai visto prima.

Doppio sesterzio di 32,44 grammi coniato a Roma nel 249

Foto 48. Doppio sesterzio di 32,44 grammi coniato a Roma nel 249. Al diritto, busto radiato di Decio e legenda IMP C M Q TRAIANVS DECIVS AVG. Al rovescio, la Felicitas stante con FELICITAS SAECVLI; S C ai lati della figura. Il Cohen classifica questo doppio sesterzio al n. 39, mentre il R.I.C. lo elenca al n. 115a. Questa moneta eccezionale, anche per la bellissima patina, è stata offerta in asta Nac 74 del 18 novembre 2013, Ancient Coins of the JDL Collection.

Elagabalo era omosessuale conclamato e la cosa non avrebbe destato scandalo perché il bisessualismo era considerato all’epoca una cosa abbastanza normale: ma un imperatore solo omosessuale e per giunta passivo non piaceva ai Romani; i pubblici atteggiamenti lascivi del giovane principe e il suo trucco vistoso e molto femminile gli alienarono presto l’appoggio della cittadinanza. Fu assassinato dai pretoriani nel 222, istigati dalla nonna Julia Maesa.

La ritrattistica di Elagabalo sulle monete, così come quella di Macrino e Diadumeniano è, a mio avviso, piuttosto monotona e non meritevole di particolare attenzione. Fa però eccezione, anche per la evidente rilevanza data al culto del sole, la monetazione provinciale e, in particolare, alcuni pesanti pezzi qui coniati.

Ecco un affascinante “medaglione” di 46,30 grammi coniato tra il 218 e il 222 a Thyatira in Lydia. Al diritto un bellissimo busto laureato di Elagabalo volto a destra. Al rovescio Apollo, visto come il dio Sole, brandisce un ramo d’ulivo guidando una quadriga al galoppo: sotto le zampe dei cavalli una cornucopia. Le legende sono in lingua greca.

Articolo completo in formato PDF tratto da Panorama Numismatico nr. 294, Aprile 2014

Articolo sfogliabile su Issuu

Parte I –  Splendidi ritratti sui bronzi di largo modulo di molti imperatori romani

Splendidi ritratti sui bronzi di largo modulo di molti imperatori romani - parte I

Dupondio di Augustodi Roberto Diegi

L’abilita’ degli incisori numismatici romani si evidenzia soprattutto nella ritrattistica imperiale. Da Augusto a Nerva, sono qui presentati alcuni degli esempi piu’ significativi in questo ambito.

Prima parte

È cosa nota, anzi notissima, che la bravura degli incisori romani dei coni monetali ebbe modo di emergere soprattutto nelle monete di più largo modulo, appunto perché il maggior spazio a disposizione facilitava ed esaltava la loro vena creativa.

Sesterzio di CaligolaAssi, dupondi e, soprattutto, sesterzi, ne sono la prova tangibile, anche se su molti aurei, di modulo assai più ristretto, la bravura di questi incisori ebbe modo di mettersi in mostra: ma gli aurei erano destinati ad una circolazione elitaria ed è ovvio che la loro produzione fosse molto curata e, addirittura, come alcuni sostengono, affidata ad incisori diversi e più esperti di quelli normalmente addetti alla produzione delle monete destinate ad una maggiore circolazione.

In questo quadro di eccellenza incisoria, è particolarmente curata la realizzazione del ritratto dell’imperatore.

Bene, queste considerazioni sono note tra gli studiosi della monetazione romana imperiale e queste mie parole possono sembrare decisamente ovvie. E lo sono. Ma, mi sono chiesto, dato per scontato quanto ho sopra scritto, perché non evidenziare la straordinaria abilità di questi incisori proponendo la visione di alcune delle loro più belle realizzazioni? E, come spesso accade, un fatto contingente mi ha spinto a scrivere queste righe.

Articolo completo in formato PDF – tratto da Panorama Numismatico nr. 293, marzo 2014

Articolo in formato sfogliabile su Issuu

39° Convegno di Numismatica, Filatelia e Collezionismo – Terni, 5 e 6 aprile

5/6 aprile – TERNI

39° Convegno di Numismatica, Filatelia e Collezionismo.

Presso: Hotel Michelangelo, viale della Stazione (angolo con piazza della Stazione), Terni.

Info: Circolo Filatelico Numismatico “Annibale Aromatici”, via Battisti, 67, 05100 Terni – Tel. 334 1491035 – Cell. 347 7577344.