CGB
RAUCH topb

Aste in primo piano

25 gennaio Asta in sala e live
28 gennaio Asta per corrispondenza

Lanz

Aste appena concluse

10 - 12 dicembre Asta in sala e live

13 - 14 dicembre Asta online e live

RauchHD Rauch
16th Live Auction


• Catalogo Online
• Sito H.D.Rauch


6 dicembre Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 123


• Catalogo 123
• Sito Web
• Highlights

4 - 5 dicembre Asta in sala e live

24 e 25 novembre Asta in sala e live

20 novembre Asta in sala

TradartTradart Asta 20


• Sito Tradart

6 novembre Asta online

17 ottobre Asta in sala e live

17 ottobre Asta in sala e live

Frühwald Asta 110

Fruewald • Sito web
• Catalogo



13 - 15 ottobre Asta in sala

15 ottobre Asta in sala e live

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

15 - 17 ottobre Asta in sala

Ultimi commenti

  • cristian: salve io possiedo diverse monete del 1978 1956 e vari anni h
  • Gianni: Ho una moneta che raffigura Enrico VIII IN veste reale e die
  • caponetti giuseppe: Sono in possesso di una medaglia del 1862 da un lato viene r
  • gaetano: Salve,vorrei sapere se e' possibile conoscere il valore di u
  • Carmine Andrea Caruso: Complimenti vivissimi.
  • sante albanese: Ho una moneta come la figura 12. Come faccio a venderla e qu
  • tommasa: salve possiedo monete in lire degli anni 50 e dei primi del
  • giovanni franzese: possiedo 20 lire dell'1972,10 lire dell'1953 1954,100 lire d
  • Daniela: Un informazione ho delle lire che vanno da 1950 in poi le po
  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
Nomisma SHOP

Lo Zar Infante Pietro II

di Giuseppe Carucci – da Panorama Numismatico nr.247/Gennaio 2010

SONO OTTO I NOMINALI BATTUTI DURANTE IL BREVE REGNO DI PIETRO II. VI SONO MOLTE VARIANTI ED ALCUNE CURIOSE IPOTESI SUI SUOI RITRATTI NELLE MONETE.

L’erede di Pietro I, lo zarevic Aleksej (fig. 1), giustiziato nel 1718 per alto tradimento, lasciò un figlio di nome Pietro avuto dal matrimonio con Sofia Carlotta Brunswick-Wolfenbuttel.

Aleksej assegnò al figlioletto Pietro due “educatori” i quali, quasi sempre ubriachi, davano da bere al piccolo del vino per addormentarlo e avere più tempo per dedicarsi alla loro occupazione principale che era appunto quella del bere.

Lo zarevic Aleksej Petrovic, figlio di Pietro I e di Evdochia Lopukhina

Fig. 1. Lo zarevic Aleksej Petrovic, figlio di Pietro I e di Evdochia Lopukhina.

Giustiziato Aleksej, Pietro I decise di occuparsi più direttamente del suo unico nipote maschio e incaricò il suo fedele amico Menscikov di trovargli due nuovi insegnanti, i quali furono lo scrivano Marvin ed un ungherese di nome Zejkind.

Dopo qualche tempo Pietro pensò di verificare i progressi culturali del nipote e grande fu la sua ira quando scoprì che il marmocchio non riusciva a spiegarsi correttamente in russo, aveva conoscenze appena elementari di latino e tedesco ma conosceva perfettamente parolacce ed imprecazioni in lingua tartara. Pietro prese personalmente a bastonate i due istitutori che comunque conservarono il loro inarico.

Il ragazzino non veniva comunque considerato come erede al trono poiché Pietro I aveva avuto dal secondo matrimonio due figli, Pietro e Paolo, i quali però morirono entrambi in tenera età lasciando così aperto il problema della successione.

Quando Pietro I morì, nel 1725, la successione si giocò tra due fazioni, quella della più antica aristocrazia che propendeva per il figlio di Aleksej ed era capeggiata dai principi Lopukhin e Dolgorukhov, e quella della cerchia più vicina al defunto zar che era per la conferma al trono della seconda moglie di Pietro Caterina, già associata al trono con rango di zarina nel 1723. Il principe Menscikov, della seconda fazione, fece circondare dai soldati della guardia il palazzo imperiale e confermò al trono Caterina, sua vecchia amante.Tuttavia si volle tentare una riconciliazione tra le due fazioni e il vice-cancelliere Osterman propose il matrimonio tra Pietro Alekseevic ed Elisabetta, figlia di Pietro I e Caterina. Tuttavia la chiesa ortodossa non consentiva il matrimonio tra due persone legate da stretta parentela, in questo caso fratellastro e sorellastra, e questa circostanza fece tentennare Caterina nell’accettare il progetto di Osterman che rimase inattuato.

Nel frattempo la salute di Caterina declinava, Menscikov capì che la sua fine poteva non essere lontana e cominciò a pensare a come attirare il giovane Pietro dalla sua parte progettando di farlo fidanzare con sua figlia Maria; in tal modo avrebbe potuto essere reggente fino alla maggiore età di Pietro.La fazione contraria a Menscikov invece architettava di inviare Pietro all’estero a fini di studio e dopo la morte di Caterina nominare al trono o Anna od Elisabetta, figlie della stessa Caterina e di Pietro I.

Caterina morì nel maggio 1727 lasciando un testamento nel quale si stabiliva che imperatore sarebbe divenuto il granduca Pietro Alekseevic, sebbene sotto tutela vista la giovanissima età, e nel caso di sua morte senza eredi il trono sarebbe spettato ad una delle sue figlie, Anna o Elisabetta.

Ritratto di Pietro II

Fig. 2. Ritratto di Pietro II

Ma fu il comma 11 del testamento a destare scalpore poiché in esso si invitavano tutti i dignitari di corte ad adoperarsi a favorire il fidanzamento del giovane Pietro con Maria, figlia del Menscikov. Questo comma era la conferma della partecipazione attiva di Menscikov alla stesura del testamento e tuttavia la circostanza risultò ininfluente giacché il diritto di Pietro Alekseecic al trono era innegabile.

Così il giovin signore divenne Pietro II, zar di tutte le Russie all’età di 12 anni (fig. 2), sotto la tutela di Menscikov. Ben presto però Pietro incominciò ad allontanarsi da lui, ruppe il fidanzamento con Maria dichiarando che non aveva intenzione di prendere moglie prima dei 25 anni.

Nell’estate del 1727 Menscikov si ammalò e la sua assenza durò quasi sei mesi durante i quali i suoi oppositori fecero leggere al giovane zar il protocollo dell’interrogatorio al quale suo padre Aleksej fu sottoposto ed al quale aveva partecipato lo stesso Menscikov. In conclusione, l’8 settembre 1727 Menscikov fu accusato di tradimento e di appropriazioni indebite. Egli e tutta la sua famiglia, inclusa Maria, furono esiliati nella cittadina di Beriosov nel governatorato di Tobolsk. In sostanza si trattò di domicilio coatto e terminò così la trentennale influenza di Menscikov negli affari di stato.

Pietro II fu incoronato a Mosca il 25 febbraio 1728 nella Cattedrale dell’Assunzione, all’interno del Cremlino. Egli fu il primo zar ad avere questa cerimonia che rimase immutata nella sua forma fino all’ultimo zar, Nicola II.

La permanenza a Mosca di Pietro II si protrasse e il 6 gennaio 1730 egli, nonostante il gran freddo, volle assistere alla parata militare in onore della benedizione delle acque del fiume che attraversava Mosca. Tornato nella sua residenza egli fu assalito dalla febbre provocata dal vaiolo. Il 30 gennaio morì l’ultimo dei Romanov per diretta linea maschile, all’età di 14 anni.

La politica estera del breve periodo di Pietro II fu abbastanza attiva, guidata dal vice cancelliere Osterman (fig. 3), e indirizzata all’unione con l’Austria con la quale gli interessi della Russia coincidevano per diversi aspetti, in particolare per l’inimicizia verso l’Impero ottomano.

Anfrej Osterman

Fig.3. Ritratto del vice-cancelliere Anfrej Osterman.

L’alleanza con l’Austria era anche una scelta naturale dato che Pietro II aveva come zio per linea materna l’imperatore Carlo VI e come cugina la futura imperatrice Maria Teresa. D’altro canto l’alleanza con l’Austria a quei tempi portava automaticamente ad avere cattive relazioni con Francia ed Inghilterra. Ugualmente cattivi furono i rapporti con l’impero cinese il quale avanzava rivendicazioni territoriali verso la parte meridionale della Siberia.

Buone furono le relazioni con la Danimarca, cattive quelle con la Polonia, altalenanti con la Svezia. Caratterialmente Pietro II era pigro, scarsamente istruito poiché preferiva i divertimenti allo studio.

Non teneva in pubblico un comportamento adeguato al suo rango, era abbastanza capriccioso e viziato.

Subì dapprima l’influenza di Menscikov e poi quella, ugualmente deleteria, dei Dolgorukij (a questo casato appartenne Jurij Dolgorukij, il fondatore di Mosca). Durante il suo regno lo stato non ebbe una vera guida e Lefort, ambasciatore di Sassonia, paragonò la Russia ad un vascello che si dirige dove lo porta il vento mentre il capitano e l’equipaggio sono occupati a dormire e ad ubriacarsi.

Come spesso succedeva quando un monarca moriva giovane ed improvvisamente, dopo la morte di Pietro cominciarono a circolare voci tutte contro la corte, in quanto si diceva che ci si era liberati volutamente del giovane monarca che avrebbe fatto sicuramente gli interessi del popolo e lo avrebbe reso felice.

Altre voci propendevano per la sostituzione di persona e l’imprigionamento del vero Pietro II. Negli archivi della Cancelleria segreta (equiparabile per funzioni ai servizi segreti) è conservata la trascrizione di un colloquio tra due contadini, uno dei quali racconta all’altro che durante la malattia di Pietro II egli fu “sostituito” e rinchiuso in prigione da dove riuscì a fuggire e a nascondersi in lontani eremi.

Un impostore comparve nelle regioni a est del Volga e raccontava che, essendo ancora zarevic, si apprestava ad andare a caccia in regioni lontane in compagnia dei suoi amici Golitsin, Dolgorukij e Minikh, ma durante il percorso si ammalò di vaiolo, fu sostituito da un sosia e portato in Italia dove fu rinchiuso in una larga colonna di pietra dotata di un solo finestrino da dove riceveva da mangiare e da bere. Così trascorse 24 anni e mezzo prima di riuscire a fuggire. Per nove anni ancora andò per diversi paesi prima di tornare in patria. L’imperatore, dopo aver girato parecchio, dispensando promesse generose come la libertà di culto per i seguaci del staroobriadcestvo (setta del tempo) e l’abolizione delle tasse ai contadini, fu arrestato e durante l’interrogatorio si qualificò come Ivan Mikhailov. Di lui non si seppe più nulla.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Pagine: 1 2

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>