CGB
NGSA 8

Aste in primo piano

4 - 5 dicembre Asta in sala e live

6 dicembre Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 123


• Catalogo 123
• Sito Web
• Highlights

10 - 12 dicembre Asta in sala e live

13 - 14 dicembre Asta online e live

RauchHD Rauch
16th Live Auction


• Catalogo Online
• Sito H.D.Rauch


Lanz

Aste appena concluse

24 e 25 novembre Asta in sala e live

20 novembre Asta in sala

TradartTradart Asta 20


• Sito Tradart

6 novembre Asta online

17 ottobre Asta in sala e live

17 ottobre Asta in sala e live

Frühwald Asta 110

Fruewald • Sito web
• Catalogo



13 - 15 ottobre Asta in sala

15 ottobre Asta in sala e live

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

15 - 17 ottobre Asta in sala

30 settembre - 2 ottobre
Asta in sala e live

22 - 27 settembre Aste in sala e live

27 settembre Asta in sala e live

Nudelman Nudelman Numismatica
Asta 14


• Sito Nudelman
• Catalogo

Ultimi commenti

  • cristian: salve io possiedo diverse monete del 1978 1956 e vari anni h
  • Gianni: Ho una moneta che raffigura Enrico VIII IN veste reale e die
  • caponetti giuseppe: Sono in possesso di una medaglia del 1862 da un lato viene r
  • gaetano: Salve,vorrei sapere se e' possibile conoscere il valore di u
  • Carmine Andrea Caruso: Complimenti vivissimi.
  • sante albanese: Ho una moneta come la figura 12. Come faccio a venderla e qu
  • tommasa: salve possiedo monete in lire degli anni 50 e dei primi del
  • giovanni franzese: possiedo 20 lire dell'1972,10 lire dell'1953 1954,100 lire d
  • Daniela: Un informazione ho delle lire che vanno da 1950 in poi le po
  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
DI VIRGILIO

Le monete di Antonino Pio

di Roberto Diegi – da Panorama Numismatico nr. 230 – Giugno 2008

Titus Aurelius Fulvus Boionius Antoninus

Il futuro imperatore Antonino Pio nacque a Lanuvium, nel Lazio, il 19 settembre 86, ma la sua famiglia era originaria della città di Nemausus nella Gallia Narbonense  (l’odierna Nimes nella Francia meridionale) dalla quale si era però trasferita a Roma da parecchi anni.

Antonino PioSia i nonni, paterno e materno, sia il padre, erano stati consoli e pertanto il giovane Antonino ricevette una educazione di alto livello, come si conveniva ad un rampollo della buona società.

A vent’anni sposò Annia Galeria Faustina (Faustina Maggiore) e ricoprì diversi importanti incarichi sotto Adriano, che culminarono nel consolato: era il 120.

Antonino si guadagnò una eccellente reputazione come proconsole in Asia, tra il 133 e il 136, tanto che al suo ritorno a Roma venne eletto membro del ristretto consilium principis istituito da Adriano.

Quando Lucio Aelio Cesare morì, nel 138, Adriano adottò Tito Aurelio Antonino, designandolo così come suo successore, ma con l’impegno solenne che avrebbe a sua volta adottato i giovani Marco Aurelio e Lucio Vero, ai fini di assicurare anche in futuro una tranquilla successione al trono di persone che avrebbero potuto continuare la sua opera. Queste complesse operazioni vanno lette come espressione della acquisita concezione di un principato e di un principe muniti di pieni poteri nella individuazione del successore, senza passare né per l’esercito, né per il senato.

L’adozione di Antonino da parte di Adriano avvenne il 25 febbraio del 138. Fino al 10 luglio dello stesso anno, quando Adriano morì, Antonino restò praticamente solo alla guida dell’impero.

Cronologia delle principali attribuzioni imperiali.

Anno Trib.Potestas Consolato Appellativo
120 I
138 I Caesar, Augustus, P M, Pius
139 I-II-III II P P
140 III-IIII III
141 IIII-V
142 V-VI
143 VI-VII IIII
144 VII-VIII
145 VIII-VIIII
146 VIIII-X
147 X-XI
148 XI-XII
149 XII-XIII
150 XIII-XIIII
151 XIIII-XV
152 XV-XVI
153
154 XVII-XVIII
155 XVIII-XVIIII
156 XVIIII-XX
157 XX-XXI
158 XXI-XII
159 XXII-XIII
160 XXIII-XXIIII
161 XXIIII

Anche per Antonino, come già per Adriano dopo il III, non si conoscono conferimenti di consolato dopo il IIII del 145.

L’inizio del regno di Antonino fu abbastanza imbarazzante, perché il senato, dati i non buoni rapporti di Adriano con la antica istituzione repubblicana, si mostrò inizialmente riluttante a concedere al defunto imperatore gli onori divini e la ratificazione dei suoi atti ufficiali, così come chiesto dal suo successore.

Aureo di Antonino Pio

Foto 1. Aureo di 7,26 grammi coniato a Roma tra il febbraio ed il luglio del 138. Al diritto testa nuda di Antonino e legenda IMP T AEL CAES ANTONINUS. Al rovescio TRIB POT COS; PIE TAS con la raffigurazione della Pietas che sacrifica su un altare. Cohen 597, R.I.C. 454a (Adriano). Va osservato che Antonino sia pure per pochi mesi era ancora Cesare sotto Adriano. In asta NAC 33/2006 questo stesso esemplare era valutato 9.000 Fr.Sv in ottima conservazione.

Poi però, forse per il timore di un intervento dell’esercito che aveva molto amato Adriano, ma soprattutto per l’atteggiamento assai deferente di Antonino nei suoi confronti, il senato accettò le richieste dell’imperatore. Adriano ricevette onori divini e fu sepolto in quel grandioso mausoleo che portava il suo nome, fatto progettare da Adriano stesso nel 135 e portato a termine da Antonino nel 139, che ancora oggi, nonostante le molte trasformazioni d’uso, si può ammirare in Roma (Castel Sant’Angelo).

L’atteggiamento conciliante di Antonino gli valse l’inconsueto appellativo di Pius, che gli fu conferito nel 138 e che divenne poi parte integrante del suo nome.

Aureo di Antonino Pio

Foto 2. Aureo di 7,28 grammi coniato a Roma nel 140. Al diritto testa laureata di Antonino e legenda ANTONINUS AUG PIUS P P TR P COS III. Al rovescio busto giovanile del futuro imperatore Marco Aurelio con legenda AURELIUS CAES AUG PII F COS. Marco Aurelio, è definito esplicitamente cesare e figlio dell’augusto Pio (Augusti Pii Filius): questa scritta la dice probabilmente lunga su quali fossero le vere intenzioni dell’imperatore circa la sua successione; anche Lucio Vero fu adottato, ma a lui non vennero dedicate monete così esplicite. Cohen 20., R.I.C. 421c. In asta NAC 24/2002 è stato venduto a 11.000 Fr.Sv. in conservazione SPL. Questa stessa moneta.

Sottolineo che dopo l’adozione, il nome del nuovo imperatore divenne Titus Aelius Hadrianus Antoninus, poi più brevemente noto, l’ho già detto sopra, come Antoninus Pius.

Pius, secondo gli antichi romani, era colui che esercitava la pietas, intesa come senso del dovere, sentimento religioso basato sul rispetto del sacro e degli dei. In altri termini la “pietas” era sentimento di devozione e di giustizia verso gli dei, gli antenati, la patria.

Aureo Antonino Pio

Foto 3. Aureo di 7,34 grammi coniato a Roma nel 158-159. Al diritto busto laureato dell’imperatore con legenda ANTONINUS AUG PIUS P P TR P XXII. Al rovescio Antonino che sacrifica su un altare: attorno VOTA SUSCEPTA DEC III; in exergo COS IIII. Cohen manca con questa data, R.I.C. 294a. La moneta vuole celebrare la solenne riconferma dei “vota”, in occasione della festività dei Decennalia (DEC), da parte dell’imperatore che era stato eletto vent’anni prima ed auspicava che potesse completare anche una terza decade di regno. VARESI nella sua asta 46/2005 ha venduto a 5.200 euro un esmplare in conservazione SPL.

Si insiste molto sul fatto che Antonino, come Adriano del resto, nutrisse un grande amore per la pace: è vero ed il suo regno risultò relativamente tranquillo, almeno nel senso che non vi furono grandi conflitti. Ma disordini circoscritti scoppiarono nel nord della Britannia, in Germania, in Africa ed in Giudea.A tutti questi “incidenti di frontiera” Antonino seppe far fronte con mano ferma, attraverso operazioni di polizia gestite assai bene dai suoi generali. Il nuovo imperatore, a differenza del suo predecessore, dedicò il massimo del suo interesse non alle  numerose province dell’impero, bensì all’Italia che non lasciò mai, a differenza del “viaggiatore” Adriano. Antonino aveva una splendida residenza di campagna a Lanuvium sui Colli Albani, dove era nato e dove trascorreva molto del tempo lasciatogli libero dagli impegni di governo.

Antonino fu certamente un uomo pacifico che preferiva la diplomazia alle armi. Ciononostante, come si annoterà più avanti, ebbe una attenzione particolare per l’esercito romano, nel senso di italico. Ad esempio, mentre in precedenza la cittadinanza romana si trasmetteva automaticamente da padre in figlio per tutti coloro che avevano prestato servizio nelle truppe ausiliarie (provinciali quindi), Antonino stabilì che l’ottenimento della cittadinanza romana sarebbe spettato solo a coloro che si fossero arruolati nelle legioni. Di fatto era un incoraggiamento ad abbracciare la carriera militare.

Antonino Pio - aureo

Foto 4. Aureo di 7,34 grammi coniato a Roma, dopo il 141, al nome della divinizzata Faustina Maggiore, moglie di Antonino Pio. Al diritto busto velato e diademato della imperatrice con legenda DIVA FAUSTINA. Al rovescio Cerere stante e legenda AUGUSTA .Cohen 98., R.I.C. 356. NAC 24/2002 ha venduto a 10.000 Fr.Sv. questo stesso esemplare in conservazione SPL. Un aureo analogo, ma con busto a destra (Cohen 75, R.I.C. 357) era offerto a 3.500 euro da CRIPPA nel suo Listino Inverno 2007.

Mentre Traiano fu un grande imperatore soldato e Adriano un eccellente amministratore e difensore dell’impero, Antonino non si distinse per grandi imprese ma, nel corso del suo lungo principato, durato oltre 23 anni, mirò soprattutto a consolidare quello che avevano fatto i suoi due predecessori e l’impero conobbe un periodo di benessere e tranquillità, tanto che i romani erano convinti che i regni successivi sarebbero stati ugualmente felici, ricchi e pacifici. Purtroppo non fu così.

Antonino fu quello che oggi si direbbe un ottimo manager e, alla sua morte, l’imperatore lasciò nelle casse dello stato ben 675 milioni di denari, nonostante le ingenti spese sostenute per donativi al popolo e all’esercito, cancellazione di debiti fiscali, opere pubbliche e un forte aumento delle spese per gli stipendi e le paghe dell’esercito, richieste dall’innalzamento del numero delle legioni a 33, contro le sole 28 di Adriano, anche se probabilmente furono contemporaneamente ridotte le coorti di ausiliari non cittadini.

Antonino Pio - denario

Foto 5. Denario di 3,48 grammi coniato probabilmente a Roma nel 142. Al diritto ANTONINUS AUG PIUS P P TR P COS III. e busto laureato dell’imperatore. Al rovescio fulmine e legenda PROVIDENTIAE DEORUM. Cohen 681, R.I.C. 80a. In asta TKALEC 2003, questo denario era stimato 300 Fr.Sv. in conservazione FDC.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Pagine: 1 2 3

7 commenti per Le monete di Antonino Pio

  • alessandro gandolfi

    sono in possesso di una moneta mai vista di antonino pio davanti c”e il volto di antonino e dietro e raffigurata una donna che sulla mano destra sorregge una palla mentre ai suoi piedi vi sono due bambini e un terzo sembra sorregerlo con il braccio sinistro.ai lati ci sono due lettere s/c la moneta sembra d”oro.cerco una valutazione da chi ne capisce.

  • Stefano

    Bella sintesi di elementi prettamente numismatici e di analisi storica e della situazione politica.

  • admin

    Per questo tipo di informazioni è preferibile contattare direttamente Nomisma allo 0549 904012 in orari di ufficio.

  • italo marino sansonetti

    Conoscere le monete antiche vuol dire soprattutto avviarsi ad un sicuro arricchimento delle nostre conoscenze storiche.
    con stima
    Sansonetti Italo M.

  • Indignato speciale

    Sono capitato in questo sito per puro caso cercando di capirci qualcosa sulla moneta di Antonino Pio, un argomento molto importante che dovrò inserire nella mia ricerca per la scuola. L’unico problema è che in questo sito della moneta non se ne parla proprio, oltre alle immagini io non saprei cosa inserire!
    In ogni caso ho apprezzato questa sintesi sul regno di Antonino.

  • salvatore

    ciao a tutti io possiedo una moneta di antoninus pius davanti ce la sua immagine e dietro ce una donna con il volto rivolto sulla destra e appoggia la gamba destra su qualcosa mentre nella mano sinistra mantiene un alancia dritta

  • Fabio

    sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne ritrovo riscontro, se riconoscete inviatemi qualche dato, grazie. Descrizione: davanti viso di Antonino Pio e la scritta ANTONIVS AVC PIVS PP e dietro, due alberi con in mezzo la scritta COSV.

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>