Nomisma 50 51
RAUCH topb

Aste in primo piano

22 - 27 settembre Aste in sala e live

13 - 15 ottobre Asta in sala

 

15 ottobre Asta in sala e live

 

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

Lanz

Aste appena concluse

16 - 18 giugno Asta e-live

Rauch HD Rauch
15th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo
• Asta Live

14 giugno Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 121


• Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

Ultimi commenti

  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
  • mauro: nell'articolo: I sistemi monetari dei popoli antichi, di G.
  • Alessandro: gentili Sig.ri, circa una trentina di anni fa (ma anche di p
  • Fabio: sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne r
  • Renato Carnevali: C'è una croce di Santiago di Compostela nel comune di Costac
  • elena bonomelli: buona sera, volevo presentarvi un annullo filatelico emesso
  • giovanna: posso chiederti se conosci il valore dei 20 dollari in oro s
  • vincenzo: quanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c. quella
  • paolo: buonasera vorrei sapere se di queste monete : ambrosino rid
DI VIRGILIO 3

La prima moneta datata di Reggio Emilia

di Lorenzo Bellesia - da Panorama Numismatico nr.232/Settembre 2008

In un lotto di vecchi cataloghi ne ho trovato uno con uno scudo d’oro di Reggio Emilia di estremo interesse. Il catalogo è quello della vendita organizzata a Parigi il 6 e 7 maggio 1955 dagli esperti P. Ciani e J. Vinchon col titolo Collection de monnaies en or et en argent. Al lotto 158 fu presentato lo scudo d’oro così descritto:

scudo di Reggio Emilia

D/     (croce) · REGIVM · LEPIDI · M · D · L · LII ·
Stemma di Reggio Emilia
R/     (croce) · CVIVS · CRVORE · SANATI · SVMVS · – ·1
Cristo stante di fronte si tocca il costato con la mano destra e stringe
la croce con la sinistra, dal costato zampilla il sangue in una coppa
AU – g 3,29

Questa moneta è eccezionale nella serie reggiana per due motivi.

Scudo in oro

Fig.1

Il primo riguarda la data. Il 25 febbraio 15532 era iniziata una nuova locazione della zecca di Reggio Emilia e la cospicua produzione che ne uscirà negli anni a seguire porterà il millesimo. Fino a quel momento gli scudi d’oro (fig. 1), i bianchi e le altre monete coniate non lo avevano e le emissioni erano individuate grazie a piccoli simboli come scudetti e fogliette.

La data 1552, apposta con cifre latine e non arabe come lo sarà sempre in seguito, permette con certezza di assegnare questo scudo a Gasparo Scaruffi, uomo eclettico che fu anche banchiere e scrittore. La sua gestione, durante la quale furono battuti soltanto scudi d’oro e bianchi, iniziò il 1 febbraio e terminò il 15 novembre. La grande novità dell’inserimento della data rientra perfettamente nella sua filosofia di innovazione della moneta reggiana3.

Bianco di Reggio Emilia

Fig.2

Il secondo motivo per cui questo scudo si stacca da tutto il resto della produzione dell’epoca riguarda la leggenda del diritto che passa dal consueto REGII LOMBARDIAE a REGII LEPIDI proprio come per il bianco la cui leggenda del rovescio passa da REGII LOMBARDIAE a MONETA REGII LEPIDI (fig. 2). Un altro particolare che sicuramente fa collegare questo scudo d’oro con il bianco è la croce all’inizio della leggenda.

Dopo la gestione dello Scaruffi, dei cambiamenti da lui imposti rimarrà solo la data anche se in numeri arabi.

Note

  1. Dalla fotografia non è chiaro ma probabilmente i punti e la linea devono essere interpretati come una foglia.
  2. L. Bellesia, Ricerche su zecche emiliane. III. Reggio Emilia, Serravalle 1998, p. 204 e segg.
  3. L. Bellesia, Ricerche cit., p. 202.
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>