NAPOLI 2015
Stacks 2105
Lanz

Aste appena concluse

10 - 11 luglio Asta online e live

Rauch HD Rauch
17th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo

30 giugno Asta Online

Numismatica Felsinea Numismatica
Felsinea
Asta 2


• Catalogo
• Registrazione
• Sito Web

19-20 maggio Asta in sala

18 maggio Aste in sala

 

18 maggio Asta online

16 maggio Aste in sala e live

 

12 e 13 maggio Asta in sala e live

7-8 maggio Aste in sala e live

GERHARD HIRSCH Nachfolger
Aste 309 - 310


G.Hirsch • Catalogo 309
• Catalogo 310
• Sito G.Hirsch
• Asta live

29 aprile Asta in sala

27 aprile Asta in sala e LIVE

Ultimi commenti

  • Massimo Bosi: Una buona occasione...
  • Nunzio: Mai stato a Taormina.
  • BETTINI LESSANDRO: TUTTE ASTE FANTASTICHE CON PEZZI ECCEZIONALI MA LA 85 E' UNI
  • vincenzo: come si diventa periti numismatici? sarei interessato.grazie
  • Laura Elia: Quanto puo valere un tetradramma siracusano d'argento della
  • claudia: Sono stato vittima della stessa truffa, ma grazie alla poliz
  • lucio: collezione di vittorio emanuele 3 la più pregiata al mondo
  • ALDO NARI: Sono interessato a vecchi catalogo da distribuire gratuitame
  • franco frignani: Ricordando l'amico Paolo Pini,scomparso anni fà,che fù l'aut
  • graziano bulleri: articolo chiaro, semplice che mi è stato utile
  • GIOVANNI FORMICA: IL VOLUME E' ECCELLENTE PER IL MIO LAVORO
  • detectorstore: Ho letto tutto il tuo racconto. Mi complimento per la storia
  • Massimo Bosi: L'indirizzo corretto é segreteria@numismaticinip.it, l'ho co
  • Massimo Bosi: Io vedo che ha tre pagine: 113, 114, 115. Mi sembra corretto
  • giuseppe: sembra che di queste monete di antonino pio ce ne siano pare
DI VIRGILIO 3

La prima moneta datata di Reggio Emilia

di Lorenzo Bellesia - da Panorama Numismatico nr.232/Settembre 2008

In un lotto di vecchi cataloghi ne ho trovato uno con uno scudo d’oro di Reggio Emilia di estremo interesse. Il catalogo è quello della vendita organizzata a Parigi il 6 e 7 maggio 1955 dagli esperti P. Ciani e J. Vinchon col titolo Collection de monnaies en or et en argent. Al lotto 158 fu presentato lo scudo d’oro così descritto:

scudo di Reggio Emilia

D/     (croce) · REGIVM · LEPIDI · M · D · L · LII ·
Stemma di Reggio Emilia
R/     (croce) · CVIVS · CRVORE · SANATI · SVMVS · – ·1
Cristo stante di fronte si tocca il costato con la mano destra e stringe
la croce con la sinistra, dal costato zampilla il sangue in una coppa
AU – g 3,29

Questa moneta è eccezionale nella serie reggiana per due motivi.

Scudo in oro

Fig.1

Il primo riguarda la data. Il 25 febbraio 15532 era iniziata una nuova locazione della zecca di Reggio Emilia e la cospicua produzione che ne uscirà negli anni a seguire porterà il millesimo. Fino a quel momento gli scudi d’oro (fig. 1), i bianchi e le altre monete coniate non lo avevano e le emissioni erano individuate grazie a piccoli simboli come scudetti e fogliette.

La data 1552, apposta con cifre latine e non arabe come lo sarà sempre in seguito, permette con certezza di assegnare questo scudo a Gasparo Scaruffi, uomo eclettico che fu anche banchiere e scrittore. La sua gestione, durante la quale furono battuti soltanto scudi d’oro e bianchi, iniziò il 1 febbraio e terminò il 15 novembre. La grande novità dell’inserimento della data rientra perfettamente nella sua filosofia di innovazione della moneta reggiana3.

Bianco di Reggio Emilia

Fig.2

Il secondo motivo per cui questo scudo si stacca da tutto il resto della produzione dell’epoca riguarda la leggenda del diritto che passa dal consueto REGII LOMBARDIAE a REGII LEPIDI proprio come per il bianco la cui leggenda del rovescio passa da REGII LOMBARDIAE a MONETA REGII LEPIDI (fig. 2). Un altro particolare che sicuramente fa collegare questo scudo d’oro con il bianco è la croce all’inizio della leggenda.

Dopo la gestione dello Scaruffi, dei cambiamenti da lui imposti rimarrà solo la data anche se in numeri arabi.

Note

  1. Dalla fotografia non è chiaro ma probabilmente i punti e la linea devono essere interpretati come una foglia.
  2. L. Bellesia, Ricerche su zecche emiliane. III. Reggio Emilia, Serravalle 1998, p. 204 e segg.
  3. L. Bellesia, Ricerche cit., p. 202.
Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>