Nomisma 50 51
RAUCH topb

Aste in primo piano

22 - 27 settembre Aste in sala e live

13 - 15 ottobre Asta in sala

 

15 ottobre Asta in sala e live

 

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

Bid Inside SOFTWARE 200

Aste appena concluse

16 - 18 giugno Asta e-live

Rauch HD Rauch
15th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo
• Asta Live

14 giugno Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 121


• Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

Ultimi commenti

  • Daniela: Un informazione ho delle lire che vanno da 1950 in poi le po
  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
  • mauro: nell'articolo: I sistemi monetari dei popoli antichi, di G.
  • Alessandro: gentili Sig.ri, circa una trentina di anni fa (ma anche di p
  • Fabio: sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne r
  • Renato Carnevali: C'è una croce di Santiago di Compostela nel comune di Costac
  • elena bonomelli: buona sera, volevo presentarvi un annullo filatelico emesso
  • giovanna: posso chiederti se conosci il valore dei 20 dollari in oro s
  • vincenzo: quanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c. quella
Nomisma SHOP

La moneta come propaganda: dall’Italia dei Socii italici alla quadriga trionfale del Veroi

regioni augustee d'Italiadi Fiorenzo Catalli

ATTI DEL CONVEGNO DI STUDI SU LE MONETE COMMEMORATIVE DELL’UNITA’D’ITALIA

La più antica rappresentazione dell’Italia è sicuramente quella che fu scelta dai socii italici sulla loro moneta. I socii si erano ribellati al potere centrale di Roma dopo aver tentato più volte di ottenere gli stessi privilegi dei Romani derivati dalla concessione della cittadinanza. Inascoltati, avevano dichiarato guerra a Roma nel 91 a.C. ed avevano stabilito il quartiere generale delle operazioni nelle aree interne del Sannio, tra Corfinium, Pietrabbondante e Boviano.

E’ opinione generale che i ribelli italici, per soddisfare le esigenze della guerra, si preoccuparono fin dal primo anno di guerra di battere moneta con lo scopo ideologico di affermare la sovranità del nuovo Stato italico.

Uno di questi denari, databile all’89 a.C., mostra una testa femminile ornata da corona d’alloro ben identificata dalla legenda in caratteri latini, ITALIA, oppure in caratteri sannitici, Viteliu (fig. 1).

Emissioni diverse di denari mostrano, nel primo caso, la stessa testa femminile laureata identificata dalla legenda in caratteri latini ITALIA, accoppiata con una scena di giuramento alla quale partecipano da due a otto guerrieri con un ulteriore guerriero che, accovacciato al centro della scena, tiene un maialino (fig. 2); nel secondo caso la testa femminile, non sempre identificata da legenda, ma verosimilmente da intendere ancora come la personificazione dell’Italia, viene accoppiata con il tipo della Vittoria che incorona una figura femminile armata e seduta su scudi e identificata come l’Italia dalla legenda che in caratteri latini corre in esergo (fig. 3), oppure dal gruppo composto da un guerriero stante in piedi con asta e scettro e da un toro accovacciato, simbolo stesso della nazione sannita.

SEGUE: articolo completo in formato PDF da Panorama Numismatico nr.267 – Novembre 2011

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>