CGB
stacks 14

Aste in primo piano

14 marzo Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 124


• Catalogo 124
• Sito Web
• Highlights

 

25 marzo Asta online

Bid Inside SOFTWARE 200

Aste appena concluse

11 - 14 febbraio Aste in sala e live

25 gennaio Asta in sala e live
28 gennaio Asta per corrispondenza

20 gennaio Asta Online

Katane Numismatica Katane
Asta XVII


• Catalogo
• Registrazione

10 - 12 dicembre Asta in sala e live

13 - 14 dicembre Asta online e live

RauchHD Rauch
16th Live Auction


• Catalogo Online
• Sito H.D.Rauch


Ultimi commenti

  • detectorstore: Ho letto tutto il tuo racconto. Mi complimento per la storia
  • Massimo Bosi: L'indirizzo corretto é segreteria@numismaticinip.it, l'ho co
  • Massimo Bosi: Io vedo che ha tre pagine: 113, 114, 115. Mi sembra corretto
  • giuseppe: sembra che di queste monete di antonino pio ce ne siano pare
  • ANNA: ciao io posseggo una moneta da 5 C senza punto con le stesse
  • Gianni Busso: Volevo farvi presente che l'art. di A. Campana "ABAKAINON" d
  • Giuseppe Vecchio: Dove si può comprare il catalogo?
  • Gianasi Marco: Il file PDF è difettoso, manca la pagina 2
  • Massimo Bosi: Provato ad aprire il pdf e si vede correttamente: http://www
  • Enrico L: l'articolo genera un pdf bianco, non stampabile. Grzie
  • Federico: Ho provato a scrivere per ordinare il libro ma mi dicoco che
  • Franco Gengotti: Ho trovato in un negozio di via Paolo Sarpi, a Milano, racco
  • lancellotti francesco: Buongiorno, ho acquistato il catalogo Gigante 2015, vedo che
  • romeo: qanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c qella che
  • ENRICO ZANTI: complimenti per la vostra rivista. Vi auguro buon Natale c
DI VIRGILIO

L’arciospedale di San Giacomo in Augusta detto anche degli incurabili

Innocenzo X nel celebre ritratto di Velasquez.

Innocenzo X nel celebre ritratto di Velasquez (foto da Wikipedia)

di Fabio Robotti – da Panorama Numismatico nr.260 /Marzo 2011

LE MEDAGLIE PONTIFICIE DEDICATE AGLI OSPEDALI NELLA ROMA DEL PAPA RE

Nella Roma nei primi anni del XIV secolo in concomitanza alla ripresa dell’espansione urbanistica del rione di Campo Marzio lungo il tratto urbano comune della via Flaminia e della Cassia venne edificato l’ospedale di San Giacomo in Augusta.

La denominazione attribuita all’ospedale consentiva di onorare il suo fondatore il cardinale Giacomo Colonna (? -1318) che ne finanziò la costruzione e di richiamare la sua ubicazione molto prossima agli imponenti resti del Mausoleo dell’imperatore Augusto che dal XII secolo era stato adattato a roccaforte difensiva dalla famiglia Colonna. La localizzazione della struttura ospedaliera era funzionale anche alla necessità di fornire accoglienza ai viaggiatori e ai pellegrini provenienti da settentrione che durante il tragitto avevano contratto delle malattie.

Stupisce pensare che questa area oggi nel pieno centro della Città fosse nel medioevo l’unica zona abitata sulla sponda sinistra del fiume Tevere, il cui tessuto urbanistico era caratterizzato da una trama costituita dal tracciato comune delle antiche vie consolari, che poi si divaricano dopo aver passato le mura attraverso la Porta del Popolo, e dagli spazi aperti verso l’attraversamento di ponte Sant’Angelo, utilizzato per raggiungere il Borgo Vaticano, con un ordito di stretti vicoli che scendevano dal colle del Quirinale per raggiungere le rive del fiume che fronteggiavano il quartiere di Trastevere.

Il cardinale Colonna si impegnò per la realizzazione dell’ospedale destinato ad accogliere, prioritariamente, i contagiati dal “mal francese” e da altre malattie caratterizzate dal ulcere e piaghe della pelle e delle mucose che non venivano accolti dagli altri due ospedali romani (Santo Spirito in Saxia e Santissimo Salvatore ad Santa Santorum) e negli altri recetti destinati agli infermi per il timore del contagio e per l’orrore suscitato dai corpi devastati dalla malattia.

La volontà di portare sollievo ai malati respinti dalle altre strutture di cura fu mossa dal desiderio di espiare e di riparare alle gravissime colpe della sua casata nei confronti della persona del pontefice Bonifacio VIII (Benedetto Caetani; 1294-1303) e della Chiesa.

Con questo gesto, infatti, volle contribuire a riscattare l’onore della famiglia che, a seguito degli oltraggiosi  fatti di Anagni, era stata scomunicata anche per le quattro future generazioni.

Segue: articolo completo in formato PDF (0,7 MB)

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>