CGB
PONTERIO STACKS

Aste in primo piano

 

28 aprile Asta online

7 - 9 maggio Asta in sala e live

GERHARD HIRSCH Nachfolger
Aste 298 - 299


G.Hirsch • Catalogo 298
• Catalogo 299
• Sito G.Hirsch
• Asta live

 

13 e 14 maggio Asta in sala e live

21 maggio Aste in sala

22-23 maggio Aste in sala

Lanz

Aste appena concluse

9 - 11 aprile Asta in sala e live

29 marzo Asta in sala e online

Frühwald Asta 106

Fruewald • Sito web
• Catalogo



15 marzo Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
Asta 120


Elsen • Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

Ultimi commenti

  • Argo: Anch'io come descritto posseggo un deca dramma come descritt
  • mario facci: nel 1893 a Bologna 50.ooo franchi o lire a quanto oggi corri
  • bruno carmelo: buongiorno, moneta di argento tetradramma Filistide/quadrig
  • Massimo Bosi: Le abbiamo inviato le istruzioni privatamente, in ogni caso
  • MICHELE: IO ne ho una in buone condizioni vorrei, vorrei sapere quant
  • Viviana: Possiedo 10lire anno 1954 può interessare.
  • rosario: vorrei abbonarmi al giornale Panorama numismatico abbonament
  • livio: salve houn dollaro d'argento del 1974 usa e un dollaro cana
  • Heinrich Kirchler: Un mio amico austriaco ha una moneta in oro del 1833 e del 1
  • Abed: Buonasera, Quanto possono valere le monete d'oro antiche
DI VIRGILIO 3

Varie Numismatica

Gli articoli di Panorama Numismatico Online della categoria Varie Numismatica.


Il doppio fiorino inglese

doppio fiorino inglese 1343 - 1344Una delle più rare monete d’oro inglesi è il cosiddetto doppio leopardo o doppio fiorino del valore di 6 scellini. Ebbene questa moneta coniata oltremanica era basata sul fiorino d’oro battuto a Firenze. L’emissione del doppio fiorino fu ordinata il 14 dicembre 1343 e stabilita per legge il 27 gennaio 1344 ma la sua coniazione cessò prestissimo, nel luglio 1344, e già il 20 agosto successivo ne fu previsto il ritiro.

In quel periodo l’Inghilterra non conosceva ancora la moneta d’oro ed utilizzava soprattutto i fiorini di Firenze ed emissioni francesi sullo standard del fiorino. Tuttavia la nuova moneta ebbe uno scarsissimo successo: si ritiene che abbiano influito le alte spese di signoraggio (cioè le trattenute sul valore del metallo portato alla zecca), il suo sopravvalutato valore rispetto alle monete d’argento ed infine il non perfetto allineamento nel sistema monetario inglese basato sul mark e sul pound. Al posto del doppio fiorino fu infatti battuto il noble che fu molto ben accolto e coniato per decenni.

Del doppio fiorino sono noti appena 3 esemplari. Due furono trovati nel 1857 nel fiume Tyne ed entrambi arrivarono, seppure in tempi diversi, al British Museum. Il terzo fu ritrovato da un cercatore col metal detector nel sud dell’Inghilterra e messo all’incanto il 29 giugno 2006 presso Spink di Londra. Proposto con una stima tra le 100 e le 150.000 sterline, fu venduto per ben 460.000 rappresentando il record per una moneta inglese.

Ma quanto sono alte le montagne?

5 dollari 2013 in argento, Palaudi Gianni Graziosi

Sono passati sei decenni dalla prima ascensione certa del monte Everest, la vetta più alta del nostro pianeta, che si erge a 8.848 metri sul livello del mare nella catena dell’Himalaya, al confine fra Cina e Nepal. Il monte è chiamato Sagaramāthā, “dio del cielo”, dagli sherpa nepalesi, mentre in tibetano è conosciuto con il nome di Chomolangma, madre dell’universo. Per la precisione, era il 29 maggio 1953 quando il neozelandese Edmund Hillary e lo sherpa Tenzing Norgay raggiunsero la vetta dal versante sud. I primi tentativi effettuati per arrivare alla cima dell’Everest risalgono al 1921 ad opera di spedizioni britanniche. Nel 1924, nel tentativo di scalare la montagna, scomparvero George Mallory ed Andrew Irvine, non è appurato se i due siano caduti dopo essere riusciti ad arrivare in vetta.

Prosegui la lettura di → Ma quanto sono alte le montagne?

Monete, banconote, supereroi e altre icone della cultura popolare

Wolverine, 1.000 lira 1981-2000 (8,1 g, 25,8 mm) Turchiadi Gianni Graziosi

L’artista e designer brasiliano Andre Lavy ha progettato di trasformare delle comuni monetine in opere d’arte. L’operazione, denominata Tales you lose (https://www.facebook.com/talesyoulose), prevede di dipingere su di esse la faccia di icone popolari, supereroi, personaggi dei cartoni animati o delle fiabe. Le opere dell’artista sono abbastanza apprezzate, tanto che cominciano ad apparire su diversi siti web di settore. L’idea di Lavy non è originale, infatti, da tempo, sono in vendita monete dipinte a mano con colori più o meno vivaci, ad esempio pezzi da 2 euro commemorativi; è anche possibile reperire banconote colorate ed esemplari con scritte o con spiritosi aforismi. Ne abbiamo già scritto in passato sulla rivista: Banconote con scritte (aprile 2009, n. 239), Money art (dicembre 2010. n. 257), Euro commemorativi colorati (marzo 2013, n. 282).

Segue: articolo completo in formato pdf da Panorama Numismatico nr.290 – Dicembre 2013

Bat-monete

2 zlote 2010 in lega gold nordic (8,15 g, 27 mm) Polonia, Rhinolophus hipposideros

di Gianni Graziosi

La Nuova Zelanda ha emesso, nel 2013, una moneta da 5 dollari in argento (31 g, 38,7 mm, 2.000 pezzi) dedicata al pipistrello minore dalla coda corta (Mystacina tubercolata), una delle 100 specie di mammiferi a maggior rischio di estinzione. L’animale, che misura 60-80 mm di lunghezza e pesa 25-35 g, ha grandi orecchie a punta e un piccolo muso. Questa specie rappresenta l’unico mammifero terrestre nativo rimasto in Nuova Zelanda. Il suo comportamento è alquanto atipico, infatti ha abitudini terricole e si nutre al suolo di insetti, frutta, nettare e polline. Quando non usa le ali per volare, gli avambracci vengono ripiegati per essere utilizzati negli spostamenti al suolo, per scavare e per arrampicarsi sugli alberi. Sul rovescio della moneta è raffigurato, nella parte inferiore all’interno di un cerchio che rappresenta la luna, il pipistrello dalla coda corta mentre cammina utilizzando le ali ripiegate; nella parte superiore è invece mostrato l’animale in volo. Oltre alla versione in argento è stata prodotta anche una moneta in lega di rame e nichel.

Segue: articolo completo in formato pdf

Un sigillo dei cavalieri del tempio. Opera di Piero Monassi

Sigillo bifacciale del Maestro dei Templari Renaud de VichierLe rivisitazioni storiche fanno tradizionalmente parte della numismatica. Solitamente permettono, nella monetazione e nella medaglia celebrativa di personaggi ed eventi, che l’artista enuclei esplicitamente e sinteticamente una visione significativa tra realtà e simbolo del tema proposto. Si evidenzia sempre il dato fondamentale.

Pierino Monassi si è accostato con frequenza alla Storia dell’epoca medioevale, che sta alla base dell’Italia e dell’Europa moderne. Sono parecchie le medaglie dedicate all’Età di Mezzo: sovrani longobardi, condottieri, castelli, poeti quali Dante. In queste medaglie l’artista ha realizzato ritratti, sintesi iconografiche, strutture feudali, con aderenza storica e personale creatività.

La sua ultima realizzazione esce dal solito quadro per essere testimonianza documentaria riproducibile di un sigillo del XIII secolo. Si tratta del sigillo bifacciale del Maestro dei Templari Renaud de Vichier (1250-1252). L’Ordine religioso-militare dei Cavalieri del Tempio era stato fondato a Gerusalemme da Ugo de Payense e da altri otto cavalieri francesi nel 1118 per la protezione dei pellegrini ai Luoghi santi. Insediati da re Baldovino presso il Tempio e approvati dal patriarca latino, ottennero l’approvazione della loro regola dal pontefice Innocenzo III. Divennero un Ordine potente e ricco che nel XVI secolo attirò le cupidigie del re francese Filippo il Bello, il quale lo fece sopprimere e ne incamerò i beni.

Prosegui la lettura di → Un sigillo dei cavalieri del tempio. Opera di Piero Monassi