Nomisma 50 51
stacks 14

Aste in primo piano

22 - 27 settembre Aste in sala e live

13 - 15 ottobre Asta in sala

 

15 ottobre Asta in sala e live

 

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

Lanz

Aste appena concluse

16 - 18 giugno Asta e-live

Rauch HD Rauch
15th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo
• Asta Live

14 giugno Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 121


• Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

Ultimi commenti

  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
  • mauro: nell'articolo: I sistemi monetari dei popoli antichi, di G.
  • Alessandro: gentili Sig.ri, circa una trentina di anni fa (ma anche di p
  • Fabio: sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne r
  • Renato Carnevali: C'è una croce di Santiago di Compostela nel comune di Costac
  • elena bonomelli: buona sera, volevo presentarvi un annullo filatelico emesso
  • giovanna: posso chiederti se conosci il valore dei 20 dollari in oro s
  • vincenzo: quanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c. quella
  • paolo: buonasera vorrei sapere se di queste monete : ambrosino rid
DI VIRGILIO

Collezioni, collezionisti e commercianti

Gli articoli di Panorama Numismatico Online della categoria Collezioni, collezionisti e commercianti.


A proposito della vendita della collezione Gnecchi nel 1902

Catalogo Gnecchi 1902

Fig.1

di Luciano Giannoni

LA DESCRIZIONE DI ALCUNE MONETE PIOMBINESI DELLA COLLEZIONE GNECCHI, MESSE IN VENDITA A FRANCOFORTE NEL 1902, NON CONSENTE UNA LORO FACILE IDENTIFICAZIONE. IL CONFRONTO CON CONIAZIONI PASSATE RECENTEMENTE IN ASTA PUÒ VENIRE IN AIUTO.

Nel corso delle mie ricerche sulla monetazione piombinese, ne ho verificato la presenza in raccolte pubbliche e private (per lo meno in quelle a me note) e nei listini d’asta. Devo sottolineare, a questo proposito, che se si escludono quelli, non frequentissimi, in cui sono presenti monete piombinesi in rame o mistura e grossi in argento di Jacopo VII Appiani, ne ho trovati solo tre con la presenza di monete in oro o argento coniate dai due Ludovisi.

Un primo catalogo, oggetto di questa nota, poneva in vendita, tra le altre, un rarissimo zecchino di G.B. Ludovisi; un secondo catalogo, del 1960, offriva una doppia – altrettanto rara – sempre di Giovan Battista Ludovisi ed un terzo, un mezzo giulio di Niccolò.

Il listino del 1902 (fig. 1) è sicuramente il più interessante. Infatti, oltre a presentare diverse monete piombinesi, contiene alcune stranezze che hanno stimolato immediatamente la mia attenzione.

Segue: articolo completo in formato pdf tratto da Panorama Numismatico nr.297 – Luglio/Agosto 2014

L’annuario numismatico di Memmo Cagiati

memmo cagiatiCI SONO LIBRI DI NUMISMATICA CHE SONO IL RITRATTO DI UN’EPOCA. VI PRESENTIAMO UNA PICCOLA PUBBLICAZIONE CHE RAPPRESENTA IL COME ERAVAMO DEGLI ANNI VENTI DEL NOVECENTO.

di Antonio Pesaresi

Una proposta oggi impossibile

Come cambiano i tempi! Mi è venuto da pensare così sfogliando l’Annuario italiano per i numismatici e raccoglitori di monete e medaglie pubblicato da Memmo Cagiati nel 1926.

Questo Annuario, secondo le parole del suo curatore, era destinato ad informare i varii lettori del movimento degli studii, delle iniziative più importanti e dei risultati delle istituzioni scientifiche, dei congressi, dei dibattiti, delle questioni, che più appassionano o che più urga di risolvere. Sarebbero tante le notizie interessanti per i lettori degli anni Duemila, per esempio, le critiche all’aspetto artistico della nuova moneta da 100 lire emessa per celebrare la vittoria nella Grande Guerra. Quello che invece mi preme sottolineare e ricordare ai lettori è l’elenco dei raccoglitori italiani. Stupisce in effetti che un tempo il mondo fosse così diverso e che il modo stesso di vivere la collezione ed il collezionismo fossero quasi agli antipodi dei nostri. Il Cagiati infatti, come del resto avevano già fatto i fratelli Gnecchi nella loro Guida Numismatica Universale, riportò gli indirizzi di centinaia di raccoglitori e l’oggetto e la consistenza delle loro raccolte! Chi mai oggi farebbe pubblicare il proprio indirizzo insieme a ciò che si possiede?

Prosegui la lettura di → L’annuario numismatico di Memmo Cagiati

Il collezionista e l’aldilà

collezionisti e aldilàdi Alan Walker – l.eu Numismatics AG, Zurìgo

Consigli per una pianificazione intelligente dei propri investimenti

Sapete qual’è la cosa più importante che hanno in comune collezionisti come Jameson, Montagu, Gulbenkian, Garrett, O’Hagan, Gillet, Haeberlin, Jamgochien, Evans, Nicolas, Virzi, Caruso, Trampitsch e Niggeler? No? Bene, è che sono tutti morti. Sì. è probabile che ora tutti siano lassù a un convegno-interstellare, lì che guardano un po’ annoiati chiedendosi dove siano finite tutte le belle monete di una volta.

Purtroppo questo spiacevole inconveniente non accadeva solo ai collezionisti di un tempo e, nonostante tutti i progressi della scienza, succede ancora: se siete collezionisti, o magari commercianti, c’è il rischio che possa toccare anche a voi. Nel caso per esempio, Dio ne scampi!, doveste cadere dentro un tombino avete pensato al da farsi per la vostra collezione? Avete lasciato precise istruzioni al riguardo alla vostra mogliettina, ai vostri figli, a Bobi. all’avvocato o ad altri eventuali? Se non l’avete fatto è meglio che cominciate a organizzarvi da subito. O potreste trovarvi nella stessa situazione di Claude Grenouille, la cui storia vi viene raccontata dalle parole di uno dei tanti lettori di Celator le cui lettere riempiono la mia cassetta postale tutti i giorni.

Segue: articolo completo in formato pdf da Panorama Numismatico nr.95/marzo 1996

Francesco Gnecchi (1847-1919) un grande numismatico del passato

Francesco Gnecchidi Antonio Trentini

CI SONO COLLEZIONISTI CHE HANNO FATTO EPOCA NON SOLO PER QUELLO CHE HANNO MESSO INSIEME MA ANCHE PER QUELLO CHE, CON I LORO SCRITTI, HANNO TRASMESSO AGLI ALTRI CHE CONDIVIDEVANO LA LORO STESSA PASSIONE.

Mi ricordo che tanti anni fa trovai ad un mercatino la ristampa di un piccolo manuale della famosa casa editrice Hoepli. Si intitolava Monete romane ed era firmato da Francesco Gnecchi. E’ stato il mio primo libro e da allora ho cominciato a collezionare. E come me, penso proprio che tanti altri collezionisti conoscono ed apprezzano questo libro.

Prosegui la lettura di → Francesco Gnecchi (1847-1919) un grande numismatico del passato