HATRIA 14
RAUCH topb

Aste in primo piano

6 novembre Asta online

Lanz

Aste appena concluse

17 ottobre Asta in sala e live

17 ottobre Asta in sala e live

Frühwald Asta 110

Fruewald • Sito web
• Catalogo



13 - 15 ottobre Asta in sala

15 ottobre Asta in sala e live

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

15 - 17 ottobre Asta in sala

30 settembre - 2 ottobre
Asta in sala e live

22 - 27 settembre Aste in sala e live

27 settembre Asta in sala e live

Nudelman Nudelman Numismatica
Asta 14


• Sito Nudelman
• Catalogo

13 settembre Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 122


• Asta 122
• Catalogo
• Highlights

Ultimi commenti

  • Gianni: Ho una moneta che raffigura Enrico VIII IN veste reale e die
  • caponetti giuseppe: Sono in possesso di una medaglia del 1862 da un lato viene r
  • gaetano: Salve,vorrei sapere se e' possibile conoscere il valore di u
  • Carmine Andrea Caruso: Complimenti vivissimi.
  • sante albanese: Ho una moneta come la figura 12. Come faccio a venderla e qu
  • tommasa: salve possiedo monete in lire degli anni 50 e dei primi del
  • giovanni franzese: possiedo 20 lire dell'1972,10 lire dell'1953 1954,100 lire d
  • Daniela: Un informazione ho delle lire che vanno da 1950 in poi le po
  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
DI VIRGILIO 2

Monetazione barbarica

Gli articoli di Panorama Numismatico Online della categoria Monetazione barbarica.


Cenni di storia e monetazione longobarda

San Cristoforo Cinocefalo

Fig. 1. San Cristoforo Cinocefalo, icona bizantina, Atene, Museo Bizantino e Cristiano. Il santo cristiano Cristoforo è spesso raffigurato in questo modo perché nella Passio sancti Christophori martyris viene descritto come un cinocefalo convertito al cristianesimo.

di Gianni Graziosi

TRA LE MONETE BATTUTE DOPO LA CADUTA DELL’IMPERO DAI COSIDDETTI REGNI BARBARICI, QUELLE LONGOBARDE SONO DI SICURO LE PIU’ AFFASCINANTI E, PER NOI ITALIANI, LE PIU’ INTERESSANTI.

Le regioni settentrionali, quanto più sono lontane dall’ardore del sole e gelide per freddo e neve, tanto più risultano favorevoli alla salute degli uomini e adatte alla proliferazione delle genti, come, al contrario, l’intera fascia meridionale, quanto più è vicina al calore del sole, tanto più pullula sempre di malattie ed è meno idonea alla vita degli esseri mortali. … Infatti i Goti e i Vandali, i Rugi, gli Eruli e i Turcilingi, e anche altre feroci e barbare popolazioni, sono venute dalla Germania. Allo stesso modo mosse dall’isola chiamata Scandinavia, per quanto si avanzino anche altre spiegazioni della sua partenza, pure il popolo dei Winnili, cioè dei Longobardi, che poi regnò felicemente in Italia, e che trae origine dai popoli germanici… Il gruppo così designato ad abbandonare la terra natale e ad andare in cerca di paesi stranieri, si sceglie due capi, Ibor e Aio, che erano fratelli, nel pieno della giovinezza e più degli altri valorosi, … Era madre di questi capi Gambara, donna fra loro forte di ingegno e provvida nel consiglio, sulla cui saggezza essi facevano grande affidamento per le situazioni difficili…. Con queste parole inizia il primo libro dell’Historia Langobardorum di Paolo Diacono (720-799 ca.) che, alla fine dell’VIII secolo, scrisse la storia del suo popolo fissando in forma scritta i racconti e le saghe che narravano le vicende delle origini. Il collegamento tra i climi e le caratteristiche fisiche e mentali dei popoli deriva dall’etnografia e dalla medicina antica; per i greci e i romani, però, il clima ideale per lo sviluppo della cultura e della società era, ovviamente, quello temperato. Anche se non esistono testimonianze archeologiche sicure ed inequivocabili, la leggenda racconta di una provenienza scandinava dei Longobardi. Nel primo secolo dopo Cristo, un popolo migrò dalla Scania, queste genti erano chiamate Winnili, i combattenti. A causa del loro aspetto, capelli e barba fluenti, vennero in seguito chiamati Longobardi che, semplicemente, è una forma latinizzata del termine germanico Langbärte (lunga barba). Secondo la tradizione tramandataci dalla leggenda sulle origini, i Longobardi lasciavano credere che tra le proprie file si trovassero degli uomini cinocefali (fig. 1), i quali erano considerati guerrieri terribili, ferocissimi, usi a bere sangue umano, che incutevano terrore e sgomento nei nemici. Probabilmente erano guerrieri invasati, dediti al culto di Wotan, che andavano in battaglia vestiti con pelli di orso o di lupo e, immedesimandosi nell’animale, diventavano insensibili al dolore e privi di ogni freno inibitore.

Segue: articolo completo in formato pdf


Merovingi e Carolingi

di Giuseppe Carucci – da Panorama Numismatico nr.226/Febbraio 2008

DOPO LA CADUTA DELL’IMPERO E LA FINE DELLA SUA IMPONENTE MONETAZIONE, LA RIPRESA DELLE CONIAZIONI FU OPERA DI QUELLE POPOLAZIONI CHE POCHI SECOLI PRIMA SI SAREBBERO DEFINITE BARBARE.

Dopo la caduta dell’impero romano d’Occidente la produzione monetaria in Europa cadde in uno stato di profonda crisi, più grave di quella dell’ultimo periodo di Roma. In un primo tempo i re delle varie etnie barbare si accontentarono della vecchia moneta romana oppure ne coniarono di nuove ad imitazione dei solidi romani e bizantini. Dapprima era loro sufficiente che sulle monete ci fossero le iniziali dei loro nomi o i relativi monogrammi.

Prosegui la lettura di → Merovingi e Carolingi

Pagine: 1 2