CGB
RAUCH topb

Aste in primo piano

07 luglio Asta Online

Katane Numismatica Katane
Asta XVIII


• Catalogo
• Registrazione

10 - 11 luglio Asta online e live

Rauch HD Rauch
17th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo

Lanz

Aste appena concluse

30 giugno Asta Online

Numismatica Felsinea Numismatica
Felsinea
Asta 2


• Catalogo
• Registrazione
• Sito Web

19-20 maggio Asta in sala

18 maggio Aste in sala

 

18 maggio Asta online

16 maggio Aste in sala e live

 

12 e 13 maggio Asta in sala e live

7-8 maggio Aste in sala e live

GERHARD HIRSCH Nachfolger
Aste 309 - 310


G.Hirsch • Catalogo 309
• Catalogo 310
• Sito G.Hirsch
• Asta live

29 aprile Asta in sala

27 aprile Asta in sala e LIVE

Ultimi commenti

  • BETTINI LESSANDRO: TUTTE ASTE FANTASTICHE CON PEZZI ECCEZIONALI MA LA 85 E' UNI
  • vincenzo: come si diventa periti numismatici? sarei interessato.grazie
  • Laura Elia: Quanto puo valere un tetradramma siracusano d'argento della
  • claudia: Sono stato vittima della stessa truffa, ma grazie alla poliz
  • lucio: collezione di vittorio emanuele 3 la più pregiata al mondo
  • ALDO NARI: Sono interessato a vecchi catalogo da distribuire gratuitame
  • franco frignani: Ricordando l'amico Paolo Pini,scomparso anni fà,che fù l'aut
  • graziano bulleri: articolo chiaro, semplice che mi è stato utile
  • GIOVANNI FORMICA: IL VOLUME E' ECCELLENTE PER IL MIO LAVORO
  • detectorstore: Ho letto tutto il tuo racconto. Mi complimento per la storia
  • Massimo Bosi: L'indirizzo corretto é segreteria@numismaticinip.it, l'ho co
  • Massimo Bosi: Io vedo che ha tre pagine: 113, 114, 115. Mi sembra corretto
  • giuseppe: sembra che di queste monete di antonino pio ce ne siano pare
  • ANNA: ciao io posseggo una moneta da 5 C senza punto con le stesse
  • Gianni Busso: Volevo farvi presente che l'art. di A. Campana "ABAKAINON" d
Nomisma SHOP

Corpus Nummorum Antiquae Italiae

Gli articoli di Panorama Numismatico Online della categoria Corpus Nummorum Antiquae Italiae.


Sicilia: Abakainon (460-27 a.C.) - parte I

moneta Abacenodi Alberto Campana

Ubicazione e cenni storici

Abakainon era un centro indigeno di remote origini, che antiche fonti storiche situavano vicino a Tyndaris (Tindari). Grazie anche al frequente rinvenimento sul posto di monete abacenine, il sito della città è ora sicuramente identificato e corrisponde alla frazione Casale, subito a settentrione dell’attuale comune di Tripi, su un altopiano che dai monti Nebrodi si estende verso il mare. Tale zona pianeggiante, delta appunto il Piano, era in realtà una sorta di fortezza naturale. facilmente difendibile, essendo compresa tra due valli laterali, del torrente Novara a est e del suo affluente Tellarita a ovest. e chiusa a sud dall’altissima acropoli del Castello e a nord dal Pizzo Cisterna.

Nell’area dell’antico abitato si conservano diversi resti di età greca e romana, fra cui un muraglione rettilineo, lungo quasi cento metri. Vi sono stati rinvenuti strati culturali del neolitico stentinelliano e tombe a forno dell’età del bronzo, che hanno permesso di accertare le origini assai antiche della città. Tuttavia l’esplorazione non risulta completa essendo stati eseguiti limitati interventi di scavo.

Articolo completo (prima parte)  tratto da Panorama Numismatico nr. 95/marzo 1996 e richiesto da un ns. lettore

Picenum: Hatria (289-268 a.C)

Picenum: as di Hatriadi A. Campana

UBICAZIONE E CENNI STORICI

Hatria (poi Hadria) sorgeva nel territorio dei Pretuttii, una popolazione sabellica molto bellicosa. Dopo la decisiva vittoria riportata nella battaglia di Senrinum contro una coalizione di Galli e Sanniti, nel 295 a.C., i Romani poterono avanzare lungo l’Adriatico per liberare Luceria e ristabilire le comunicazioni con l’Apulia, nel Samnium e infine si mossero contro i Sabini e i Preruttii. Il loro territorio fu messo a ferro e a fuoco.

Prosegui la lettura di → Picenum: Hatria (289-268 a.C)

Latium: Carsioli (circa 270 a.C.)

di A. Campana

UBICAZIONE E CENNI STORICI

Carsioli (o Carseoli) era situata sulla Via Valeria, a circa 3 km dall’attuale centro di Carsoli. Fu città degli Equi e divenne colonia di diritto latino tra il 302 ed il 298 a.C.. Le antiche fonti storiche riportano notizie molto frammentarie: durante la seconda guerra punica rifiutò uomini e denaro a Roma e fu punita nel 204 a.C.. Durante la guerra sociale rimase invece fedele a Roma e fu distrutta dai Marsi. Ricostruita. divenne municipium: vi soggiornò Ovidio. che ricorda la frigida Carseoltis.

Attualmente rimangono modesti resti di antiche costruzioni. Nel 1950 a Carsoli fu rinvenuto un deposito votivo, contenente numerose monete romane e di varie zecche italiche. risalenti al III secolo a.C. fino ai primi anni della seconda guerra punica.

MONETAZIONE

A Carsioli possono essere attribuite due monete fuse, un quadrans e un sextans. ambedue note in unico esemplare….

Segue articolo completo in formato pdf, tratto da Panorama Numismatico nr.73 del marzo 1994, articolo richiesto da un ns. lettore.

Sabina: Reate (circa 280 a.C.)

librale romanodi A. Campana

UBICAZIONE E CENNI STORICI

Reate fu una delle più antiche e principali città dei Sabini. Era situata su un’altura calcarea, che rappresenta attualmente la parte più elevata (circa 400 m.s.m.) e centrale della moderna Rieti (intorno alla Piazza Vittorio Emanuele e al Teatro Comunale), nell’angolo SE di una fertile conca attraversata dal fiume Velino.

Non abbiamo notizie storiche della città prima della conquista romana. Nel 290 a.C. il console Manio Curio Dentato assoggettò tutta la Sabina. A quel tempo vicino a Reate si estendeva un lago, il lago Velino, circondato da terre paludose. Il conquistatore dei Sabini, Curio Dentato, procedette subito alla bonifica della conca reatina, con l’apertura della cava curiana, che scaricava le acque del Velino nel fiume Nera. Il terreno così bonificato divenne fertilissimo e fu causa di gravi e secolari dispute tra la città e la vicina Interamna (Terni).

Nel 268 a.C i Sabini ricevettero la cittadinanza senza suffragio.

Nel 205 a.C. Reate assieme agli altri Sabini contribuì volontariamente ai rifornimenti di Scipione, durante le ultime fasi della seconda guerra punica.

Come le altre città sabine, Reate fu mantenuta al grado di prefettura sino al 27 a.C., poi municipio ascritto alla tribù Quirina. Ha dato i natali all’erudito Marco Terenzio Varrone e della città era originaria la famiglia dell’imperatore Vespasiano.

Segue: articolo completo in formato pdf da Panorama Numismatico nr.73 del marzo 1994, articolo richiesto da un ns. lettore.

Umbria: Tuder ( 268-215 a.C. ) Parte II

Disegno fronte retro di due fusi di Tuder riconosciuti falsi da Haeberlin

Disegno fronte retro di due fusi di Tuder riconosciuti falsi da Haeberlin

di A. Campana

Gli esemplari più pesanti di questa nuova serie presentano pesi assai vicini al piede trientale mentre quelli più leggeri sembrano emessi su un piede quadrantale ridotto. Di conseguenza la serie ha subito al suo interno una riduzione, dal trientale al quadrantale, arrestandosi in prossimità della riduzione sestantale.

A Tuder quindi si verificò il fenomeno accaduto a Luceria. Anche questa città apula, sede di un importante distaccamento militare romano, dapprima emise una serie librale completa dei suoi nominali, che fu successivamente ripetuta con gli stessi tipi su un piede quadrantale, preceduta da una breve ed incompleta serie trientale.

Se Luceria, pressata dalla necessitò di rifornire le truppe romane e alleate nella campagna apita contro Annibale, continuò la sua monetazione, coniando monete con riduzione sestantaria e unciale, Tuder cessò di emettere propria moneta quando a Roma fu introdotto il denario assieme alla riduzione bronzea sestantaria.

Esistono buone prove che  la riduzione treniale-quadrantale della libbra osco-latina risale alle prime fasi della guerra annibalica, al 217-215 a.C.

Anche per la serie leggere di Tuder non sono disponibili dati archeologici.

Per completare la panoramica sulle monete di Tuder riporto qui i disegni di due fusi riconosciuti falsi da Haeberlin.

Segue articolo (Parte II) in formato PDF tratto da Panorama Numismatico n.65/Giugno 1993

Umbria: Tuder (268-215 a.C.) Parte I

OBOLO italico. Fronte/testa di giovane vista di profilo Retro/Interessante immagine di scrofa che allatta tre porcellini

OBOLO italico. Fronte/testa di giovane vista di profilo Retro/Interessante immagine di scrofa che allatta tre porcellini

di A. Campana

UBICAZIONE E CENNI STORICI

Tuder (in umbro Tutere, forse da tular = confine o limite, un termine attestato nelle Tavole di Gubbio) era situata sulla cima di un colle, dove ora sorge Todi, presso la linea di confine tra il territorio occupato dagli Umbri e quello in possesso degli Etruschi, non lontano dal Tevere.

Il centro era abitato fin dal Neolitico e non appare chiaro se fu un avamposto etrusco nel paese degli Umbri ovvero un baluardo umbro  contro gli Etruschi. In ogni caso, per la sua posizione geografica e per la facilità di scambi tra le due rive del Tevere, Tuder non si sottrasse ad influssi culturali etruschi, bene documentati da reperti archeologici provenienti dalle necropoli rinvenute nelle pendici meridionali del colle, in località Peschiera, databili al periodo V – III secolo a.C. Alcuni reperti documentano anche sporadici influssi gallici.

Si conoscono pochissime notizie storiche e tutte di epoca romana. Bene collegata a Bettona ed Amelia dalla via Amerina e situata in prossimità della via Flaminia, già nel III secolo a.C. fu avviato il processo di romanizzazione, fino a divenirne un centro fedele a Roma. Nel corso della Guerra Sociale, nonostante le numerose e gravi defezioni fra gli Etruschi e gli Umbri, Tuder mantenne la fedeltà a Roma e nell’89 a.C. fu la prima città alleata ad essere premiata dal Senato con la cittadinanza romana ed affiliata alla tribù Clustumina. Nella guerra civile sillana parteggiò per i democratici e fu presa da Crasso.

In età triumvirale vi fu dedotta una colonia di soldati della 41ª legione: la città prese il nome di Colonia Iulia Fida Tuder.

I monumenti antichi che attualmente sopravvivono a Todi sono tutti di epoca romana.

MONETAZIONE

Tuder emise complessivamente tre serie di bronzo, una coniata e due fuse. Come ha evidenziato Tony Hackens, è difficile stabilire un soddisfacente raccordo tra le emissioni coniate e quelle fuse. Pur in assenza di obiettivi dati forniti da ripostigli e rinvenimenti durante scavi archeologici, ritengo che le emissioni più antiche di Tuder siano quelle coniate, sebbene la maggior parte degli autori moderni propensa per una datazione più tardiva, posteriore alla monetazione fusa:

I    Periodo: 268-250 a.C. (serie coniata)

II  Periodo: 240-225 a.C. (serie fusa librale)

III Periodo: 217-215 a.C. (serie fusa trientale-quadrantale)

Segue articolo (parte I) in formato PDF tratto da Panorama Numismatico n.64/maggio 93

Eryx (490 a.C. ca - 200 a.C. ) Parte II

Litra AR  (0,85g) 415-413 a.C

Litra AR (0,85g) 415-413 a.C

VII gruppo: 415 a.C.-413 a.C.

Durante la guerra contro Selinunte, a fianco di Segesta e delle truppe ateniesi, Eryx emise una litra in argento e una interessante serie di nominali in bronzo, tutte caratterizzate dall’esclusiva leggenda dell’etnico in elimo, mentre il cane ora assume la posizione stante.

Nella litra n.26 compare, quale simbolo accessorio sopra il cane, la ruota magica per gli incantesimi d’amore, quindi tipica di Afrodite. Al rovescio, la figura sacrificante riprende il tipo già utilizzato in precedenti serie di litre, ma lo stile appare più tardivo per la presenza della gamba sinistra flessa e del braccio sinistro ricadente lungo il fianco, come la divinità fluviale raffigurata sui didrammi selinuntini del 435-417 a.C.

Parallelamente alla litra d’argento, Eryx avviò la produzione anche di una serie bronzea composta da tretas (n.27), hexantes (n.28) o onkiai (n.29) con massiccia svalutazione della litra bronzea (come nell’onkia n.30 ), che precipuita da 60 g a circa 16 g probabilmente per fare fronte ai costi della guerra, che terminò con la sconfitta patita ad opera dei Sicusani nel 413 a.C.

L’uso dei globetti quali segni di valore, che non appare attestata nel IV secolo a.C., confermerebbe una datazione all’ultimo quindicennio del V secolo a.C.

Al diritto compare in tutta la serie una testa barbuta, non facilmente identificabile. Giustamente la Zodda intravvede alcune somiglianze con analoga testa che compare su un coevo bronzo dell’elima Entella.

Segue articolo completo (parte II) in formato PDF tratto da Panorama Numismatico n.121/luglio-agosto 1998 e tavole sinottiche in formato PDF di tutte le monete illustrate nell’articolo, tratte da Panorama Numismatico n.122/settembre 1998

Sicilia: Ietas (circa 330 a.C. - 20 d.C.)

Tetras, 330a.C.-260a.C. Coll. Privata g. 4,89. D:Toro stante a destra su doppia linea di esergo; R:Leone in atto di balzare a destra su linea di esergo ondulata

Tetras, 330a.C.-260a.C. Coll. Privata g. 4,89. D:Toro stante a destra su doppia linea di esergo; R:Leone in atto di balzare a destra su linea di esergo ondulata

di Alberto Campana

UBICAZIONE E CENNI STORICI

Ietas (o  Iaitas o Iaitai) è ubicato con sicurezza sul Monte Iato, 30 km a sud-ovest di Palermo, presso i moderni comuni di S. Giuseppe Iato e S. Cipitello. L’antico abitato indigeno, il cui nome è tramandato da Silio Italico, occupava il pianoro inclinato alla sommitò del monte, circa 400 m al di sopra dell’altopiano sottostante e 852 m sopra il livello del mare.

Si tratta di una posizione strategica eccezionale, dominando le principali strade di accesso all’estremità settentrionale della Sicilia occidentale. L’importanza del sito emerse in varie occasioni: nelle guerre tra Greci e Cartaginesi, all’epoca di Timoleonte e di Pirro e nel corso della prima guerra punica, quando gli Ietini espulsero la guarnigione cartaginese e passarono ai Romani.

Dopo la conquista romana, Ietas divenne città decumana e una delle 17 città preposte alla custiodia del venerato tempio di Ericina. Subì le sanzioni di Verre. La città, gravitante nell’area commerciale di Panormos, fu praticamente abbandonata nei primi decenni dell’età imperiale e conobbe una nuova occupazione solo nel IV secolo d.C. r nel medioevo, quando fece parte del terrictorio della chiesa di Monreale.

Nel 1246 fu teatro di una rivolta degli ultimi Arabi di Sicilia e venne distrutta da Federico II, che ne deportò la popolazione a Lucera. Da allora il sito rimase deserto.

A partire dal 1971 vi vennero condotti  scavi archeologici a cura dell’Università di Zurigo, sotto la guida del prof. H.P. Isler, che hanno permesso di ricostruire più in dettaglio la storia della città.

Le prime tracce di vita finora scoperte risalgono all’età del Ferro (IC-VIII sec a.C.) e appartengono certamente alla popolazione indigena degli Elimi, che occupava anche le vicine Segesta ed Eryx. Come moltre altre città sicule, Ietas fu totalmente ricostruita nel corso del IV secolo a.C.. forse dopo le distruzioni provocate nella Sicilia occidentale dalle guerre tra Dionisio I e i Cartaginesi. Allo stesso periodo appartiene il complesso sistema di fortificazioni, in particolare nei lati con naturalmente difesi: infatti il pianoro era praticamente inaccessibile da tutti i lati, tranne che da est. Qui vi sono conservati i resti imponenti d i mura in opera quadrata, integrate in età medievale. Lo scavo archeologico si è concentrato finora su tre gruppi di edifici: il treatro (poco più grande di quello di Segesta), l’agorà e il tempio di Afrodite, con la vicina ricca casa a peristilio.

Segue articolo completo in formato PDF tratto da Panorama Numismatico n.126/Gennaio 1999