Nomisma 50 51
stacks 14

Aste in primo piano

22 - 27 settembre Aste in sala e live

13 - 15 ottobre Asta in sala

 

15 ottobre Asta in sala e live

 

14 e 15 ottobre Asta in sala e live

Lanz

Aste appena concluse

16 - 18 giugno Asta e-live

Rauch HD Rauch
15th. E-Live Auction


• Sito H.D.Rauch
• Catalogo
• Asta Live

14 giugno Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 121


• Sito J.Elsen
• Catalogo asta
• Redazionale

Ultimi commenti

  • Daniela: Un informazione ho delle lire che vanno da 1950 in poi le po
  • Massimo Bosi: Il file PDF é stato aggiornato
  • Massimo Bosi: La ringrazio per la segnalazione, le invieremo il file non a
  • mauro: nell'articolo: I sistemi monetari dei popoli antichi, di G.
  • Alessandro: gentili Sig.ri, circa una trentina di anni fa (ma anche di p
  • Fabio: sono in possesso di una moneta con Antonino Pio, ma non ne r
  • Renato Carnevali: C'è una croce di Santiago di Compostela nel comune di Costac
  • elena bonomelli: buona sera, volevo presentarvi un annullo filatelico emesso
  • giovanna: posso chiederti se conosci il valore dei 20 dollari in oro s
  • vincenzo: quanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c. quella
DI VIRGILIO 3

Banconota da zero rupie

India, banconota da 0 rupie Gandhidi Gianni Graziosi

In India chi non vuole piegarsi al diffuso sistema di corruzione dei funzionari pubblici ha adottato un sistema veramente insolito, consiste nel dare una banconota da zero rupie in mano a chi chiede tangenti. Questa curiosa idea è scaturita dalla fantasia di un docente di fisica, di origine indiana, della University of Maryland (USA). Egli, tornato in patria, ed avendo subito un tentativo di estorsione si comportò in modo inusitato e, in risposta, consegnò al funzionario un foglietto con scritto zero rupie. Successivamente Vijay Anand, presidente di 5th Pillar (quinto pilastro), un’organizzazione non governativa, ritenendo valida l’idea ha fatto stampare 25.000 “banconote” da zero rupie allo scopo di utilizzarle per combattere la corruzione e, nello stesso tempo, mobilitando anche l’opinione pubblica.

In pochi anni di queste “banconote” ne sono state stampate più di un milione di pezzi e, dalle notizie che arrivano, sembrano dimostrare che funzionino. A tal proposito circolano numerose storie: una, ad esempio, narra di un funzionario corrotto del distretto di Tamil Nadu che rimase talmente spaventato, al vedere la banconota da zero rupie, da restituire il denaro ricavato illecitamente. I fattori di questo successo sono molti: in India la corruzione è un crimine soggetto a pena detentiva; i funzionari corrotti temono di perdere il posto di lavoro a causa di provvedimenti disciplinari; a questi si aggiunge la volontà dei cittadini di utilizzarle per ribellarsi all’estorsione di denaro e di non lasciarsi intimorire dai funzionari disonesti; inoltre di sapere che l’iniziativa è appoggiata da un’organizzazione no-profit, quindi non si sentono soli ed abbandonati nella lotta. Questo fa tornare alla mente il notissimo proverbio “l’unione fa la forza”. A questo punto ci si può domandare perché non stampare “banconote” da zero euro ed utilizzarle anche da noi? … potrebbe essere utile? … potrebbe servire ad unirci a combattere la corruzione? … Chissà? Un aforisma del grande Mahatma Gandhi dice: È difficile ma non impossibile fare affari in maniera assolutamente onesta. È vero però che l’onestà è incompatibile con l’accumulo di grandi ricchezze.

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Share

1 commento per Banconota da zero rupie

Lascia un commento

 

 

 

Puoi usare questi tag HTML

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>