CGB
PN 2015

Aste in primo piano

25 gennaio Asta in sala e live
28 gennaio Asta per corrispondenza

11 - 14 febbraio Aste in sala e live

Bid Inside SOFTWARE 200

Aste appena concluse

20 gennaio Asta Online

Katane Numismatica Katane
Asta XVII


• Catalogo
• Registrazione

10 - 12 dicembre Asta in sala e live

13 - 14 dicembre Asta online e live

RauchHD Rauch
16th Live Auction


• Catalogo Online
• Sito H.D.Rauch


6 dicembre Asta in sala

JEAN ELSEN & Ses Fils
ElsenAsta 123


• Catalogo 123
• Sito Web
• Highlights

4 - 5 dicembre Asta in sala e live

Ultimi commenti

  • Massimo Bosi: Provato ad aprire il pdf e si vede correttamente: http://www
  • Enrico L: l'articolo genera un pdf bianco, non stampabile. Grzie
  • Franco Gengotti: Ho trovato in un negozio di via Paolo Sarpi, a Milano, racco
  • lancellotti francesco: Buongiorno, ho acquistato il catalogo Gigante 2015, vedo che
  • romeo: qanto puo valere una moneta siracusana del 480 a.c qella che
  • ENRICO ZANTI: complimenti per la vostra rivista. Vi auguro buon Natale c
  • cristian: salve io possiedo diverse monete del 1978 1956 e vari anni h
  • Gianni: Ho una moneta che raffigura Enrico VIII IN veste reale e die
  • caponetti giuseppe: Sono in possesso di una medaglia del 1862 da un lato viene r
  • gaetano: Salve,vorrei sapere se e' possibile conoscere il valore di u
DI VIRGILIO

Alcune tracce di legittimazione politica nella Napoli del XVI secolo

Un doppio ducato della zecca di Saragozzadi Raffaele Iula

Un comune esempio numismatico

FIGURA SCOMODA PER LA LIBERALITÀ DI PENSIERO GIOVANNA D’ARAGONA VENNE DEFINITA “PAZZA” E RINCHIUSA PER BUONA PARTE DELLA SUA VITA. NONOSTANTE CIÒ, LA SUA IMMAGINE COMPARE SU ALCUNE MONETE FATTE CONIARE DAL FIGLIO CARLO V

Nel mondo numismatico, si sa, le monete sono spesso considerate come esempio di varie testimonianze (storica, artistica, etc.) per delineare in modo più preciso il periodo e l’ambiente che ne hanno curato la produzione. Alcune, però, riescono a comunicare meglio il loro messaggio, forse perché sono state coniate appositamente per svolgere questo importante compito.

Uno dei casi più interessanti, a livello storico, politico e sociale, è sicuramente la serie enea napoletana curata a nome della regina castigliana Giovanna e di suo figlio, Carlo di Gand, che passerà alla storia con il nome di Carlo V.

doppio ducato della zecca di Barcellona

Le vicende che caratterizzarono l’esistenza della regina Giovanna sono state trattate in molti ambiti e sotto varie ottiche, tutte originali. La sua vita non fu certo semplice: lo si può immaginare già dalla dura infanzia che tormentò la giovane principessa, la quale doveva tenere testa ad un padre, Ferdinando II d’Aragona, che non esitò a sacrificarla ad un matrimonio politico, seppur ben riuscito, e ad una madre, Isabella di Castiglia, ossessionata, se così si può dire, dal fervore religioso. Fu così che Giovanna crebbe in un clima politico-religioso molto pesante: la madre, in particolare, la trattò sempre con una certa ostilità a causa della repulsione che la figlia dimostrava nei confronti del fanatismo religioso, ampiamente appoggiato dai cosiddetti “Re cattolici”. Tale attaccamento al cristianesimo divenne sempre più importante per i sovrani iberici, basti pensare che la Spagna, all’epoca, era ancora divisa in vari regni che godevano di organismi amministrativi del tutto peculiari. Anche se a Ferdinando II non mancò la volontà di unificare tutti i territori spagnoli sotto la propria corona, il suo impegno primario si svolse soprattutto verso l’eliminazione di tutte le presenze straniere di arabi ed ebrei, al fine di legittimare la sua posizione di sovrano cristiano agli occhi del papa e del resto d’Europa. Fu proprio grazie alle azioni politiche di Ferdinando che la Spagna poté intraprendere, anche se a fatica, quel duro percorso che nel giro di qualche generazione la farà entrare di diritto tra i Paesi più potenti ed influenti dell’intera Europa, e non solo.

Segue: articolo completo in formato pdf, anteprima da Panorama Numismatico nr.303, febbraio 2015

Numismatica Felsinea – Asta 1 del 25 Gennaio 2015

Numismatica Felsinea Asta 1L’ASTA 1 della Numismatica Felsinea comprende monete antiche e moderne, medaglie e cartamoneta.

Sulla homepage del sito www.numismaticafelsinea.it potrà consultare sia il  catalogo dell’asta battuta che si terrà a Bologna il 25 Gennaio 2015 che quello dell’asta per corrispondenza (chiusura  28/01).

Per effettuare le offerte online è necessario registrarsi sul sito http://felsinea.bidinside.com/ e attendere l’abilitazione da parte della casa d’asta. Il sito è costantemente aggiornato con le offerte giunte per e-mail/fax/lettera.

Prosegui la lettura di → Numismatica Felsinea – Asta 1 del 25 Gennaio 2015

Asta Negrini di Monete e Medaglie – 30 Gennaio a Milano

Studio Numismatico Raffaele NegriniLo Studio Numismatico Raffaele Negrini  ha annunciato la prossima Asta Pubblica n. 40, che si svolgerà Venerdì 30 Gennaio 2015 al Grand Hotel de Milan (Via Manzoni, 29 Milano) con inizio battuta d’asta ore 9.30. Potete anche partecipare all’asta per corrispondenza compilando il form sul sito web entro il 25 Gennaio.

Questa vendita propone monete interessanti per rarità o qualità in ogni settore. Nell’antico con alcuni esemplari romano imperiali di notevole conservazione, nella monetazione estera oltre ad un insieme copioso di monete auree, un nucleo importante per rarità e qualità di monete russe. Segue una raccolta di medaglie pontificie ed alcuni preziosi esemplari della monetazione rinascimentale.

Prosegui la lettura di → Asta Negrini di Monete e Medaglie – 30 Gennaio a Milano

33° Pantheon Placentia. Fiera di Numismatica, Filatelia e collezionismo

Annullo Lupo Alberto30/31 gennaio 2015 – PIACENZA

33° Pantheon Placentia. Fiera di Numismatica, Filatelia e collezionismo

Presso: Piacenzaexpo, Fiera di Piacenza, SS 10, via Tirotti, 11, Fraz. Le Mose, Piacenza, mappa: https://goo.gl/maps/oMw75

Info: Tel.: 0523 602711 – Fax 0523 602702 – e-mail: commerciale1@piacenzaexpo.it – web: www.pantheon.piacenzaexpo.it

Nella foto a sinistra, un annullo speciale Pantheon 2014.

Una medaglia del 1707 per il possesso austriaco di Milano e Napoli

di Roberto Costanzo

Alla morte di Carlo II d’Asburgo (1700) salì al trono di Spagna Filippo V di Borbone, nipote di Luigi XIV, secondo il testamento di Carlo II. Gli Asburgo d’Austria, forti del loro diritto dinastico, si opposero. La Francia di Luigi XIV, alleata con la Spagna del nipote Filippo V, occupò i Paesi Bassi spagnoli (1701) e mosse contro il Ducato di Savoia, assediando Torino; suscitò così la controffensiva austriaca in Italia al comando del duca Eugenio di Savoia. I gallo-ispani furono sconfitti e l’Austria ottenne il Ducato di Milano.

A Napoli, il partito austriaco si rivoltò contro il re spagnolo Filippo V, che dopo sette anni (1700-1707), dovette cedere il Regno al secondogenito dell’imperatore Leopoldo, l’arciduca Carlo d’Asburgo, intanto sbarcato a Barcellona (1705), quale pretendente al trono spagnolo (come Carlo III di Spagna).

La medaglia qui presentata celebra l’“Italia Austriaca”, mostrando i possessi asburgici di Milano e Napoli nell’anno 1707. A parere dello scrivente, è di qualche interesse per i collezionisti italiani.

medaglia austriaca 1707

Prosegui la lettura di → Una medaglia del 1707 per il possesso austriaco di Milano e Napoli

Sicilia: Abakainon (460-27 a.C.) - parte I

moneta Abacenodi Alberto Campana

Ubicazione e cenni storici

Abakainon era un centro indigeno di remote origini, che antiche fonti storiche situavano vicino a Tyndaris (Tindari). Grazie anche al frequente rinvenimento sul posto di monete abacenine, il sito della città è ora sicuramente identificato e corrisponde alla frazione Casale, subito a settentrione dell’attuale comune di Tripi, su un altopiano che dai monti Nebrodi si estende verso il mare. Tale zona pianeggiante, delta appunto il Piano, era in realtà una sorta di fortezza naturale. facilmente difendibile, essendo compresa tra due valli laterali, del torrente Novara a est e del suo affluente Tellarita a ovest. e chiusa a sud dall’altissima acropoli del Castello e a nord dal Pizzo Cisterna.

Nell’area dell’antico abitato si conservano diversi resti di età greca e romana, fra cui un muraglione rettilineo, lungo quasi cento metri. Vi sono stati rinvenuti strati culturali del neolitico stentinelliano e tombe a forno dell’età del bronzo, che hanno permesso di accertare le origini assai antiche della città. Tuttavia l’esplorazione non risulta completa essendo stati eseguiti limitati interventi di scavo.

Articolo completo (prima parte)  tratto da Panorama Numismatico nr. 95/marzo 1996 e richiesto da un ns. lettore

Convegno Filatelico Numismatico Città di Jesi – 17 e 18 gennaio

17/18 gennaio 2015 – JESI (AN)

Convegno Filatelico Numismatico Città di Jesi

Presso: Bocciodromo comunale, via Ugo La Malfa 13/b .

Info: Circolo Filatelico Numismatico “Federico II”, Jesi – Tel.: 0731 59219, opp. 0731 211630 (ore pasti) – e-mail: luconi.oscar@libero.it

32 gradi Fahrenheit

5 dollari 2014 Palau, Gabriel Fahrenheitdi Gianni Graziosi

Tra le moderne monete commemorative, le novità sorprendenti ed insolite sono sicuramente molto comuni e all’ordine del giorno. Nel 2014 la Repubblica di Palau e le Isole Cook hanno messo in vendita due pezzi quanto meno originali che, tramite dieci inserti circolari termosensibili, possono indicare realmente la temperatura compresa fra 57 e 90 gradi Fahrenheit, oppure fra 14 e 32 gradi Celsius. Sulla faccia nazionale delle due monete compaiono rispettivamente lo stemma dello stato insulare dell’Oceano Pacifico (Palau) oppure il ritratto di Elisabetta II (Isole Cook), sull’altro lato, in un tondello, è raffigurato il termometro di Fahrenheit o il ritratto di Celsius circondati dagli inserti sensibili alla temperatura. I pezzi, coniati in argento 925‰, in qualità fondo specchio, al valore facciale di 5 dollari, hanno un diametro di 50 mm e un peso di un’oncia (31,1 g). Diversa la tiratura, che risulta essere limitata a soli 450 esemplari per la moneta di Palau e 1.744 per le Isole Cook.

Prosegui la lettura di → 32 gradi Fahrenheit